Cronaca
Il ritrovamento

Trovato un cadavere a Chioggia: è Greta Spreafico?

L’ipotesi che si tratti del corpo della donna erbese di 53 anni si fonda sul fatto che l’unica denuncia di scomparsa della zona è proprio quella di Greta Spreafico

Trovato un cadavere a Chioggia: è Greta Spreafico?
Cronaca Erba, 21 Dicembre 2022 ore 22:36

Trovato un cadavere in laguna nella acque di Brondolo sulla foce del fiume Brenta nel Comune di Chioggia. Potrebbe essere quello di Greta Spreafico, l'erbese scomparsa dallo scorso 4 giugno mentre si trovava a Porto Tolle in provincia di Rovigo.

Erbese scomparsa, potrebbero esserci delle novità importanti

La notizia si sta diffondendo in queste ore anche a Erba. Sui siti locali dalla provincia di Venezia e Rovigo si sta diffondendo la notizia del ritrovamento del cadavere di una donna e subito si pensa al caso dell'erbese di cui non  si hanno più notizie dallo scorso giugno.

Il cadavere è stato ritrovato martedì 20 dicembre intorno alle 16 in un canale sul Brenta in comune di Chioggia. Dopo la segnalazione da parte di un pescatore la Guardia di Finanza ha portato il corpo all’obitorio di Chioggia dove resta a disposizione per capire quali sono state le cause della morte. L’ipotesi che si tratti del corpo della donna erbese di 53 anni si fonda sul fatto che l’unica denuncia di scomparsa della zona è proprio quella di Greta Spreafico. La cantante erbese era stata vista l’ultima volta a Porto Tolle proprio in data 4 giugno secondo la trasmissione Chi l’ha visto? Da un vicino di casa dopo essere stata quasi tutta la notte con Andrea Tosi un amico conosciuto sui social.

Greta si trovava in provincia di Rovigo per procedere alla vendita di un appartamento. Ma all’appuntamento con il notaio non era mai arrivata. Scomparsa anche la sua Kia Picanto. Diverse le ipotesi che sono state avanzate in questi mesi. E l’ipotesi della Procura di Rovigo che sta indagando sul caso è quella di sequestro di persona. Per quanto riguarda il cadavere trovato a Chioggia resta da verificare se la  donna è annegata o se la morte sia dovuta ad altra causa.
Seguici sui nostri canali
Necrologie