oltre confine

Truffa Romance Scam a Bellinzona: fermata una 64enne italiana

La vittima aveva dato avvio a un rapporto a distanza con una sedicente studentessa trovatasi bisognosa di alcune migliaia di franchi per far fronte a delle spese universitarie.

Truffa Romance Scam a Bellinzona: fermata una 64enne italiana
Como città, 03 Settembre 2020 ore 10:36

Nei pressi della stazione di Bellinzona è stata arrestata una 64enne italiana, residente in Italia. La donna è sospettata dalle forze dell’ordine elvetiche di aver preso parte, con modalità ancora oggetto di approfondimento, a una truffa di tipo “Romance Scam” o “Love Scam”.

Truffa Romance Scam a Bellinzona: fermata una 64enne italiana

In base agli accertamenti, il modus operandi ricalca quanto emerso già in passato per raggiri analoghi. In sostanza, la vittima viene approcciata tramite social media e sistemi di messaggistica istantanea da una persona di bella presenza (il cui profilo è sovente fittizio). Dopo essere riusciti a instaurare un rapporto di amicizia che assume via via connotazioni sentimentali, gli autori del raggiro cominciano ad avanzare pretese economiche. Il tutto esponendo una serie di difficoltà di natura finanziaria.

Nel caso in questione, la vittima aveva dato avvio a un rapporto a distanza con una sedicente studentessa trovatasi bisognosa di alcune migliaia di franchi per far fronte a delle spese universitarie. La donna arrestata, presentatasi come una congiunta della ragazza, avrebbe quindi contribuito al raggiro suffragando in vari modi la tesi delle ristrettezze economiche della giovane.

L’accusa nei confronti della 64enne (che nel frattempo è stata scarcerata) è quella di truffa. L’inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Claudio Luraschi. Al vaglio vi è anche la posizione del figlio della 64enne, residente all’estero e fortemente indiziato di aver preso parte a sua volta al raggiro.

I consigli della Polizia cantonale

Per evitare sgradite sorprese, la Polizia cantonale invita la popolazione a prestare attenzione e a diffidare da simili richieste di denaro. Questo tenendo anche conto del fatto che in Internet si può falsificare tutto: interi profili con elenco di amici, foto, documenti ufficiali, video, giustificativi, fotocopie di passaporti, numeri di telefono, eccetera.

Si ribadiscono inoltre i consigli per non incappare in questo genere di truffe:

– Non accettate domande di amicizia sui social media (es. Facebook) o piattaforme simili da parte di persone che non conoscete nella vita reale;

– Non fidatevi mai di chi conoscete solamente tramite Internet;

– Non trasmettete mai password e copie o scansioni di documenti ufficiali come passaporto, licenza di condurre, eccetera;

– Non divulgate mai foto intime o informazioni personali;

– Non versate mai denaro se non siete sicuri dell’affidabilità del vostro interlocutore.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia