Cultura
La mostra

A Villa Balbianello presentata la mostra "Volti"

L'esposizione celebra la pittura di ritratto tra ‘900 e contemporaneità, tra committenza e libera interpretazione, attraverso oltre sessanta opere realizzate dal 1910 a oggi

A Villa Balbianello presentata la mostra "Volti"
Lago Pubblicazione:

E’ stata presentata oggi, giovedì 20 luglio 2023 a Villa del Balbianello, la mostra "Volti". La pittura italiana di ritratto nel XX secolo, organizzata da ArchiviVitali in collaborazione con il FAI - Fondo per l’Ambiente Italiano, aperta al pubblico fino al 12 novembre 2023.

L’esposizione, a cura di Luca Beatrice e con allestimento dell’artista Velasco Vitali - allestita in due sedi, lo Spazio Circolo a Bellano e Villa del Balbianello, Bene del FAI a Tremezzina- celebra la pittura di ritratto tra ‘900 e contemporaneità, tra committenza e libera interpretazione, attraverso oltre sessanta opere realizzate dal 1910 a oggi, che testimoniano l'evoluzione del ritratto e riflettono sulla sua importanza storica e attuale.

A Villa Balbianello presentata la mostra "Volti"

Le opere, provenienti da collezioni private, sono la testimonianza dell’indagine che quattro generazioni di artisti italiani hanno condotto fra le oscurità e la meraviglia dello sguardo, con particolare attenzione alle somiglianze somatiche, agli umori, ai luoghi comuni, alle complessità psicanalitiche e all’infinita sfaccettatura dei caratteri umani.

Il progetto si sviluppa in due luoghi opposti del Lago di Como, su due diverse sponde tradizionalmente “lontane”, unite però da una via d’acqua che le accomuna per geografia e cultura: il ramo lecchese e quello comasco, l’area manifatturiera e quella del Grand Tour disseminata di ville storiche. La mostra si prefigura come linea unitaria della stessa identità territoriale con il dichiarato intento di ri-vedere il volto del lago nella sua intera complessità.

Volti si inserisce nell’ambito delle iniziative di approfondimento sul tema del ritratto nell’arte, promosse dal Comune di Bellano e dell’Assessorato alla cultura. Lo Spazio Circolo viene allestito come una quadreria, una grande stanza dove i ritratti sembrano vere e proprie presenze in stretto dialogo con il visitatore. A Villa del Balbianello, grazie all’allestimento di Velasco Vitali, i dipinti si inseriscono tra gli arredi storici negli ambienti adiacenti alla Loggia, la Biblioteca e la Sala del Cartografo, e nel Salotto e Camera da letto della madre di Guido Monzino, integrati con l’attuale collezione di stampe e di libri.

L’allestimento delle due mostre segue il ritmo di quattro desideri. Allo Spazio Circolo di Bellano si trova il desiderio del collezionista che aggiunge alla propria quadreria un pezzo alla volta, seguendo un ordine “ortogonale”, dove tutto risponde a un criterio democratico della distribuzione degli spazi e tutto è visibile in ugual misura. A Villa del Balbianello si ritrova il desiderio dello studioso che lascia entrare nella propria biblioteca solo i dipinti che evocano i miti, la filosofia e la letteratura, ogni quadro un significato, dove nulla è lasciato al caso; quello del padrone di casa che ama il controllato caos della vita quotidiana ed esibisce i ritratti della sua famiglia e degli amici come specchio dei momenti di vita vissuta; infine quello tutto al femminile della padrona di casa, che sa di eleganza, cura, autorevolezza , rarefazione, poesia e che gioca a contrasto con una vista lago mozzafiato, tra le più belle del mondo.

Il commento di Luca Beatrice

“Nel corso della storia dell’arte il genere del ritratto ha ricoperto funzioni sociali, politiche e culturali: ha mostrato il potere, la bellezza, l’importanza, la ricchezza e persino idealizzato l’uomo comune. Con l’avvento della fotografia – divenuta in brevissimo tempo il mezzo più utilizzato per la ritrattistica - il XX secolo segna una svolta fondamentale. Gli artisti cominciano a esplorare nuovi approcci; molti cercano di raccontare il carattere e la sfera emotiva dei soggetti, altri di esprimere il rapporto tra pittore e modello. L’interesse sempre più forte per la psicologia, unito al desiderio di rompere con la tradizione del passato, porta questi artisti a compiere innovazioni formali che cambieranno per sempre il modo di rappresentare le persone”.

Le parole di Velasco Vitali

“La mostra Volti è un frammento narrativo lungo cent’anni, un focus surrogato di un sottoinsieme che comprende tutti gli otto miliardi di volti possibili, ognuno degno di essere ritratto. Si tratta di oltre sessanta dipinti che raccontano un ritaglio d’occidente autentico, di un’area del mondo limitata, l’Italia, dove qualcuno è stato a sua volta regista di un tempo che è fuggito e ha prestato attenzione a un volto che l’ha guardato - spiega Velasco Vitali - Gli artisti esposti hanno indagato fra le oscurità e le meraviglia dello sguardo, con particolare attenzione alle somiglianze somatiche, alle atmosfere umane, ai luoghi comuni e alle complessità psicanalitiche più contorte e all’infinita sfaccettatura dei caratteri. Se è vero che da questo tipo d’indagine è derivata l’insaziabile voglia di vedersi da fuori, di guardare le nostre sembianze da un punto di vista nuovo che non sia il nostro, è altrettanto vero che il nostro desiderio è stato quello di popolare il nostro mondo di icone, che ci somigliassero e nelle quali poterci riconoscere”.

Gli artisti

Gli artisti presenti sono Evangelina Alciati, Cesare Maggi, Matteo Olivero, Pompeo Borra, Jessie Boswell, Cagnaccio di San Pietro, Felice Casorati, Alberto Savinio, Mario Sironi, Gisberto Ceracchini, Alberto Ziveri, Gigi Chessa, Italo Cremona, Aroldo Bonzagni, Anselmo Bucci, Giorgio De Chirico, Ernesto Thayaht, Ferruccio Ferrazzi, Achille Funi, Carlo Levi, Ruggero Alfredo Michahelles (RAM), Nella Marchesini, Cesare Monti, Pietro Marussig, Francesco Menzio, Ubaldo Oppi, Lalla Romano, Enrico Baj, Carol Rama, Giancarlo Vitali, Giacomo Soffiantino, Giosetta Fioroni, Giovanni Testori, Mario Ceroli, Mario Merz, Salvo, Giulio Paolini, Michelangelo Pistoletto, Luigi Ontani, Sandro Chia, Francesco Clemente, Enzo Cucchi, Mimmo Paladino, Thorsten Kirchhoff, Daniele Vezzani, Antonio Nunziante, Giovanni Frangi, Velasco Vitali, Luca Pignatelli, Daniele Galliano, Corrado Zeni, Stefano Arienti, Luca Caccioni, Massimo Kaufmann, Vanessa Beecroft, Livio Scarpella, Giovanni Iudice, Andrea Martinelli, Francesco Vezzoli, Enrico Tealdi, Valerio Berruti, Andrea Barzaghi, Luca De Angelis, Davide Serpetti.

Seguici sui nostri canali