lintervista

Palio del Baradello, cariche rinnovate. Il nuovo presidente Stefano Tagliabue: “Ho partecipato a tutte le edizioni da che ho memoria”

Confermati alcuni eventi di contorno tra fine agosto e inizio settembre.

Palio del Baradello, cariche rinnovate. Il nuovo presidente Stefano Tagliabue: “Ho partecipato a tutte le edizioni da che ho memoria”
Como città, 08 Agosto 2020 ore 17:03

Stefano Tagliabue, classe 1984 di Tavernola, è stato eletto presidente del Palio del Baradello dopo le dimissioni di Laura Bordoli. Per lui il Palio è una questione di famiglia.

Il nuovo presidente Stefano Tagliabue: “Ho partecipato a tutte le edizioni da che ho memoria”

“Mia madre è la reggente del borgo di Tavernola dal 1984. E’ l’anno in cui sono nato. Insieme ai miei fratelli ho partecipato a tutte le edizioni del Palio da che ho memoria”.

Si racconta così il neoeletto presidente del Palio del Baradello. Per lui la storica manifestazione medievale è davvero una questione di famiglia, ce l’ha nel sangue.  Ed è così che dopo le dimissioni dell’ex numero uno Laura Bordoli, è stata scelta una giovane new entry per la guida della manifestazione.

Il presidente da piccolo al Palio

“Negli ultimi anni mi sono occupato della gestione degli sbandieratori di Tavernola – ha raccontato il neo presidente – Ora mi piacerebbe consolidare gli ottimi risultati ottenuti dall’ex presidente e far crescere ancora di più la manifestazione. Mi piacerebbe molto stringere ancora di più il collegamento tra il palio e il turismo che negli ultimi anni ha avuto una crescita esponenziale a Como. Purtroppo quest’anno partiamo in sordina a causa delle restrizioni dovute al Covid-19”.

Stefano Tagliabue svela però che, saltata l’edizione per i festeggiamenti dei 40 anni del Palio slittata al prossimo anno, qualche piccolo evento collaterale quest’anno si svolgerà. “Sono confermati i Vespri del 30 agosto e il concerto delle Arpe, salvo imprevisti, per l’11 settembre – ha spiegato – Poi stiamo lavorando con l’Archeologica Comense per organizzare un tour medievale per Como ma è ancora work in progress”.

Le idee al neo-presidente non mancano. “Ci piacerebbe conquistare uno sbocco internazionale grazie ai tanti turisti stranieri che ci vengono a vedere  ma anche coinvolgere i giovani della città per ringiovanire e consolidare la partecipazione”.

Le altre cariche rinnovate

Del nuovo Consiglio fanno parte: Tettamanti Nadia, Devotella Giuseppe, Ravaglia Mimosa, Schiera Vanna, Tagliabue Stefano, Foglia Gigliola, Barone Donato, Franzi Omar, Facchinetti Fabio.

Maggiorente rimane Nadia Tettamanti; la Tesoriera Vanna Schiera viene riconfermata assumendo anche la Vicepresidenza, e temporaneamente il lavoro di Segreteria. Del grande patrimonio di costumi storici, recentemente catalogato, sarà responsabile Mimosa Ravaglia, supportata da Angela Saccani, Carla Clerici e Bruno Busoni.

Responsabile dell’attrezzeria sarà Giuseppe Devotella con l’aiuto di Stefano De Feudis. Le manifestazioni teatrali rimangono sotto la direzione esperta di Fabio Facchinetti. Responsabile culturale è riconfermata Gigliola Foglia che assume anche i doveri di addetta stampa.

Responsabile gare è un altro membro ‘storico’, Donato Barone. Da definire l’incarico di Omar Frangi e alcune nuove collaborazioni. A Marcella Schiano, castellana del Borgo di Sant’Agostino, verrà affidata la gestione della lotteria.

Stephanie Barone

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia