cultura

Zelbio Cult c’è: gli Incontri d’Autore tornano con 8 appuntamenti da non perdere

Il programma completo, inaugurato da Ernesto Galli della Loggia.

Zelbio Cult c’è: gli Incontri d’Autore tornano con 8 appuntamenti da non perdere
Lago, 10 Luglio 2020 ore 12:32

Zelbio Cult c’è: gli Incontri d’Autore tornano con 8 appuntamenti da non perdere.

Zelbio Cult al via domani, sabato 11 luglio con Ernesto Galli della Loggia

Da domani, sabato 11 luglio, torna Zelbio Cult con un calendario che sfida l’emergenza Covid e che non si piega allo streaming: in presenza, su prenotazione, anche quest’anno sul palcoscenico salgono otto protagonisti della letteratura, dell’arte, del giornalismo, della scienza e del cinema invitati a dialogare con il curatore e con il pubblico nel teatro comunale di Zelbio

Armando Besio, con gli amici del Comitato cultura di Zelbio, e con il sostegno della Pro Loco e della Biblioteca comunale ha sfidato le difficoltà del momento costruendo un ricco calendario anche per questa XIII edizione: gli incontri saranno quindi tutti dal vivo, come da tradizione, con l’accortezza del distanziamento delle sedute all’interno del teatro e – laddove il tempo lo consentirà – nello spazio all’aperto. In ottemperanza alle disposizioni governative e per evitare sovraffollamenti, è necessario prenotare sul sito www.zelbiocult.it per ciascun appuntamento.

Il programma

Il Festival si apre domani, sabato 11 luglio con una serata dedicata al tema “scuola”, al centro di accese discussioni politiche – e non solo – in questi mesi di chiusura forzata degli istituti scolastici, con la didattica a distanza diventata il nuovo “mantra” e l’apertura ancora incerta a settembre: Ernesto Galli della Loggia, tra i più illustri storici italiani, professore universitario, saggista ed editorialista de “Il Corriere della Sera”, ne parla partendo da “L’aula vuota – Come l’Italia ha distrutto la sua scuola” (Marsilio), saggio polemico, accorato e appassionato.

A seguire sabato 18 luglio il tradizionale appuntamento con l’arte: Giovanni Agosti, storico dell’arte e critico d’arte, racconta “Il gran teatro montano” di Varallo a partire dallo storico saggio di Giovanni Testori pubblicato nel 1965 da Feltrinelli, da poco tornato in libreria in una nuova edizione con la sua preziosa curatela.

Si continua sabato 25 luglio con Andrea Kerbaker“Una Kasa piena di libri. Come vivere felici in compagnia di 30.000 (e più) volumi” sintetizza la passione e l’amore per le pagine stampate. Bibliofilo, autore apprezzato di opere di saggistica e di narrativa tradotte in vari paesi, instancabile animatore della vita culturale milanese, Kerbaker ha ideato e aperto al pubblico uno spazio di tre piani (a un passo dal quartiere Isola) dove – oltre a raccogliere i libri che ha collezionato nel corso di una vita – propone mostre, presentazioni e incontri per adulti e bambini.

Una serata all’insegna dell’allegria e della risata intelligente, quella di sabato 1 agosto con “Il Formichetti. Dizionario delle Formiche 1990-2020”Luigi (Gino) Vignali e Michele Mozzati, raccontano trent’anni di umorismo in 7820 battute raccolte nella più divertente delle enciclopedie.

Per la prima volta a Zelbio sabato 8 agosto è una serata all’insegna della scienza: Guido Barbujani, professore di Genetica all’Università di Ferrara, è uno dei più importanti genetisti italiani. Con il saggio “Sillabario di genetica per principianti” (Bompani) ci offre gli strumenti per capire temi che riguardano tutti noi: malattie, predisposizioni, ricostruzioni della nostra storia e OGM.

Sabato 15 agosto si parla di una delle imprese più memorabili del Novecento, nei primi anni Sessanta: il traforo del Monte Bianco, inaugurato nel 1965. Sara Loffredi lo racconta nel suo romanzo “Fronte di scavo” (Einaudi).

Sabato 22 agosto si prosegue parlando di Economia e di attualità politica con Stefano Feltri, ex vice direttore de “Il Fatto quotidiano”, scelto lo scorso maggio come direttore di “Domani”, il nuovo quotidiano fondato da Carlo De Benedetti che arriverà in edicola e online a settembre. Il suo ultimo saggio si intitola “Sette scomode verità sull’economia italiana che nessuno vuol guardare in faccia” (Utet) in cui parla di lavoro, tecnologia, istruzione, giovani, evasione fiscale, spesa pubblica.

Sabato 29 agosto la serata di chiusura della manifestazione è legata al cinema e alla figura di Federico FelliniCristina Battocletti, scrittrice e giornalista dell’inserto culturale domenicale de “Il Sole 24Ore”, critica cinematografica, racconta uno dei più celebrati registi italiani di tutti i tempi, a 100 anni dalla sua nascita.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia