Economia
le restrizioni della zona rossa

Confesercenti torna in piazza per chiedere la riapertura delle imprese

Appuntamento domani, 30 marzo, a Porta Torre a Como per il presidio.

Confesercenti torna in piazza per chiedere la riapertura delle imprese
Economia Como città, 29 Marzo 2021 ore 15:42

Tutto pronto per il presidio organizzato da Confesercenti che si terrà domani, martedì 30 marzo, alle ore 10.30 davanti a Porta Torre a Como per chiedere la riapertura di tutte le imprese in sicurezza. La manifestazione è autorizzata dalla Questura, sarà obbligatorio mantenere il distanziamento sociale e indossare la mascherina.

Confesercenti torna in piazza per chiedere la riapertura delle imprese

Ogni impresa chiusa è un sostentamento in meno ad un nucleo familiare, con costi di assistenza e ammortizzatori sociali a carico dello Stato: ecco perché è urgente riaprire tutte le imprese, definendo i protocolli di sicurezza che dovranno seguire. Oggi il presidente di Confesercenti Como, Claudio Casartelli, e il direttore, Angelo Basilico, sono stati ricevuti dal Prefetto di Como, Andrea Polichetti.

Casartelli e Basilico hanno consegnato al Prefetto una lettera in cui espongono le motivazioni del presidio di domani a Porta Torre e hanno ribadito la necessità di far partecipare ai mercati quanti più operatori possibili anche in zona rossa.

“Come Confesercenti rappresentiamo le imprese che operano nei mercati della provincia di Como, i bar, i ristoranti, i negozianti, tutte imprese che da oltre un anno continuano a subire chiusure ad intermittenza. Imprese che sono ferme e chiuse anche nella fase attuale. Dietro questo imprese non vi sono solo gli imprenditori, ma anche le loro famiglie e la famiglie dei loro dipendenti: si trovano in una situazione di estrema difficoltà.

Chiediamo a Lei Eccellenza e al Governo italiano di consentire a tutte le imprese attualmente chiuse del commercio, della ristorazione, del turismo, della cultura e dello sport di poter tornare ad esercitare il loro diritto costituzionale ad imprendere e di farlo secondo protocolli di sicurezza chiari e definiti.

Ogni giorno di chiusura prolungata in più determinerà purtroppo il fallimento di imprese che, anche quando sarà consentito, non saranno più in grado di ripartire. Ecco perché è necessario fin da subito riaprire tutte le imprese in sicurezza. Per manifestare questa esigenza e questa richiesta che rivolgiamo al Governo martedì 30 Marzo alle ore 10.30 daremo vita ad una pacifico e democratico presidio a Como, davanti Porta Torre. Confidiamo Eccellenza che Lei possa riportare quanto da noi richiesto ed auspicato al premier Mario Draghi e all’intero Governo italiano”.

Il Prefetto si è dimostrato disponibile a trasmettere al Governo il contenuto della lettera e a ricercare soluzioni per far partecipare il numero maggiore di imprese ai mercati, ovviamente nel rigoroso rispetto della normativa vigente.

Necrologie