Economia
lavoro

Crisi Galimberti, 250 posti a rischio sindacato preoccupato

Coinvolto anche il punto vendita di Como.

Crisi Galimberti, 250 posti a rischio sindacato preoccupato
Economia Como città, 04 Febbraio 2021 ore 10:03

Crisi Galimberti, 250 posti  a rischio sindacato preoccupato. Da sabato 6 febbraio chiudono i punti vendita della catena di elettronica ed elettrodomestici  da cui è nato il marchio Euronics, con  quartier generale a Limbiate dove si trovano negozio, magazzino e uffici. “Le condizioni operative e finanziarie della società, purtroppo a Voi ben note, non consentono l’ulteriore prosecuzione delle attività di vendita” ha scritto in una lettera ai circa duecento dipendenti  il commissario straordinario nominato a marzo dell’anno scorso dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Crisi Galimberti, 250 posti di lavoro a rischio sindacato preoccupato

Tutto personale verrà dunque messo in cassa integrazione straordinaria a zero ore. Ma i punti vendita potrebbero riaprire. Il 14 gennaio il Ministero dello sviluppo economico aveva infatti autorizzato la procedura di cessione di sette negozi, oltre Limbiate e Seregno, gli altri store coinvolti nella dismissione sono quelli di Como, Lonato del Garda, Milano corso Buenos Aires, Milano via Solari, Pavia. Domani, giovedì 4 febbraio, verranno aperte le buste con le offerte di acquisto. Tra le condizioni poste agli acquirenti, l’obbligo a proseguire per almeno un biennio le attività imprenditoriali e a mantenere stabili per il medesimo periodo i livelli occupazionali.

Scaduti ieri i termini per la presentazione delle offerte, oggi, giovedì 4 febbraio, verranno valutare le proposte d’acquisto per i sette punti vendita Galimberti a marchio Euronics (inclusi quelli di Limbiate e Seregno) oggetto della procedura di dismissione autorizzata dal Tribunale di Milano. Negozi che da sabato chiuderanno i battenti

“Va salvato un patrimonio fatto di persone”

La preoccupazione di Mario Colleoni della Filcams Cgil: “Il timore che nessuno presenterà offerte è vivo e con esso la preoccupazione per il futuro dei 250 lavoratori. La speranza è che ci siano imprese intenzionate a rilanciare questo storico marchio, che negli anni recenti ha avuto indubbi problemi, ma che nel tempo era diventato uno dei leader di mercato nel settore dell’elettronica in Lombardia. Va salvaguardato un patrimonio fatto in primis di persone, che operano da anni nei sette punti vendita del gruppo, la maggior parte dei quali situati in Lombardia, uno in Veneto”.

“Garanzie per i lavoratori”

Filcams Cgil auspica che lavoratori vengano tutelati: “Nel caso non dovessero esserci offerte e di conseguenza verificarsi lo scenario peggiore, riteniamo debbano essere messi in sicurezza tutti i lavoratori, garantendogli nel tempo i previsti ammortizzatori sociali e con essi percorsi finalizzati alla ricollocazione. La crisi che vede protagonista il gruppo Galimberti – Euronics potrebbe non essere l’unica del settore, con conseguenze dirette per i lavoratori che ne fanno parte, per le loro famiglie e per il comparto. Oggi, data la fase drammatica che sta attraversando la nostra economia, è necessario affrontare queste situazioni con politiche che superino le innumerevoli rigidità presenti sul tema delle politiche attive, sono oggi non rimandabili riforme che favoriscano la riallocazione nel breve termine dei lavoratori se vogliamo continuare ad affermare che il lavoro è un valore irrinunciabile per la vita delle persone”.

Necrologie