la protesta

Cuoche delle mense e addette alle pulizie verso il presidio: “Sono senza cassa integrazione e certezze per settembre”

Appuntamento sotto il palazzo della Prefettura di Como mercoledì mattina.

Cuoche delle mense e addette alle pulizie verso il presidio: “Sono senza cassa integrazione e certezze per settembre”
Como città, 22 Giugno 2020 ore 15:18

Cuoche delle mense e addette alle pulizie verso il presidio davanti alla Prefettura di Como. Cgil, Cisl e Uil: “Sono senza cassa integrazione e certezze per settembre”.

Cuoche delle mense e addette alle pulizie verso il presidio

Scendono in piazza le lavoratrici delle mense e delle pulizie scolastiche e aziendali. L’appuntamento unitario è mercoledì 24 giugno 2020 dalle 10 alle 12 davanti alla prefettura di Como.

“La situazione è complicata e molte questioni sono ancora irrisolte – spiegano Cgil, Cisl e Uil di Como – Gli addetti non hanno ancora percepito la cassa integrazione e diverse aziende si sono rifiutate di anticiparla, come richiesto dai sindacati. Fra queste c’è Euroristorazione, che da due anni gestisce in appalto le mense del Comune di Como”.

“Diverse lavoratrici ora saranno poste in sospensione scolastica, senza stipendio e senza contributi, fino a data da destinarsi, poiché non si sa se con la ripresa delle scuole sarà riattivata la refezione – aggiungono dalle sigle sindacali – E’ quindi necessario avere certezze circa la ripresa del servizio di mensa scolastica, parte integrante dell’offerta formativa, presidio per garantire la salute e fonte di nutrimento per bambini e ragazzi, oltre a essere un supporto irrinunciabile per le famiglie vulnerabili”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia