la manifestazione

Infermieri e dipendenti della sanità privata in sciopero: “Eroi oggi ma senza contratto da 14 anni” VIDEO

Sono circa 2500 i lavoratori del settore in provincia di Como.

Como città, 16 Settembre 2020 ore 12:48

Infermieri, Oss e dipendenti della sanità privata sono in sciopero oggi, 16 settembre 2020, in tutta Italia. A Como presidio davanti alla sede di Confindustria Como.

Infermieri e dipendenti della sanità privata in sciopero

Sono circa 2500 i dipendenti della sanità privata in provincia di Como. Sono infermieri, Oss e dipendenti amministrativi del Valduce di Como, del Fatebenefratelli di Erba, ma anche di Villa Aprica e dell’ospedale di Gravedona nonché della miriade di Rsa sul territorio.

Al centro della mobilitazione, c’è la mancata sottoscrizione definitiva, da parte delle controparti, ovvero Aiop (Associazione Italiana Ospedalità Privata) e Aris (Associazione Religiosa Istituti Socio-Sanitari), della pre-intesa raggiunta il 10 giugno scorso sul rinnovo del contratto. Dopo 3 anni di trattative e 14 anni di assenza di rinnovo contrattuale, si era giunti alla sottoscrizione di un testo di contratto collettivo nazionale condiviso dalle delegazioni trattanti, datoriali e sindacali.

4 foto Sfoglia la gallery

“Loro collegano il rinnovo del contratto per i dipendenti con i rimborsi pubblici che stanno attendendo – spiega Nunziò Praticò della Cisl – ma nel frattempo in questi 14 anni li hanno presi. Inoltre non è mai successo che con una pre-intesa poi non si giunga alla firma”.

“Il rinnovo del contratto oggi è un simbolo – sottolinea Umberto Colombo della Cgil – Questi lavoratori sono stati decisivi per trovare soluzioni nel periodo del Covid, hanno aiutato a uscire dalla crisi e ora non si concede loro un diritto fondamentale: non solo il rinnovo a livello economico ma anche condizioni di lavoro adeguate. Chiediamo al presidente di Confindustria Como Manoukian che si faccia portavoce con le aziende”.

“Condividiamo la battaglia con i pazienti e gli utenti. Sono la nostra forza. Dobbiamo fare una protesta forte e decisa con volantini e striscioni ma anche su Whatsapp dove i datori di lavoro non possono stracciare i volantini” aggiungono dalla Uil.

Le sigle sindacali concludono: “Il periodo storico vi ha riconosciuto come fondamentali e indispensabili. La vera essenza è uscita dall’altra parte: in un periodo di tale difficoltà hanno voluto chiedere nuovi margini di profitto”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia