economia sociale

Lariomania, i prodotti km zero in un click a casa: dalla birra con more di gelso alle lucine con i bozzoli

Tikvà, Azalea, Auxilium e Miledù fanno rete e vendono i prodotti realizzati da persone fragili online.

Lariomania, i prodotti km zero in un click a casa: dalla birra con more di gelso alle lucine con i bozzoli
Como città, 18 Novembre 2020 ore 12:51

Una ne pensa, cento ne fa, anche durante il lockdown. Sono le parole più azzeccate per descrivere Francesca Paini, presidente e fondatrice della cooperativa sociale Tikvà ma anche numero uno della Fondazione Scalabrini. Lei e il suo gruppo infatti hanno presentato oggi, 18 novembre 2020, il nuovo portale di e-commerce per prodotti a km zero del Lago di Como, Lariomania.

Lariomania, i prodotti km zero (del lavoro solidale) in un click a casa

Voglia di birra di more di gelso? Di tisane con i fiori di campo che crescono nei terreni attorno al Lago di Como? Oppure volete fare un regalo davvero unico con le lucine natalizie realizzate con i bozzoli dei bachi da seta? Su Lariomania si trova tutto questo e anche di più. Nata sulle orme di #Bacomania (coi suoi prodotti di gelsibachicoltura), Lariomania si è allargata infatti a nuove attività e produzioni in sinergia tra la Cooperativa Sociale Tikvà – Economie Territoriali Inclusive, l’impresa sociale Miledù, la cooperativa Auxilium e la Cooperativa Sociale Azalea.

“Avremmo voluto vendere i nostri prodotti di persona ma in questo momento non sarebbe stato possibile così abbiamo pensato a un e-commerce che comunque crea lavoro per le persone fragili” ha spiegato Francesca Paini. Perché il bello di tutte queste produzioni, è che vengono realizzate con il lavoro di persone in difficoltà che hanno bisogno di percorsi speciali per entrare nel mondo del lavoro: richiedenti asilo, persone che hanno perso il lavoro, disabili.

“Il progetto parte senza finanziamenti consistenti – spiega Paini – Siamo in attesa di risposta per un Bando Cariplo. Così nel frattempo ogni cooperativa ha preso parte dei suoi dipendenti e volontari e li ha spostati su questa iniziativa:  3 operatori di Tikvà, 2 operatori e 2 volontari di Miledù ma anche 4 ragazzi di una comunità psichiatrica di Azalea, oltre ad un ragazzo immigrato in tirocinio e una persona da Auxilium part time”.

Claudia Faverio che si occupa della parte di ideazione dei progetto spiega: “Abbiamo pensato a un sito sintetico, che faccia conoscere prima di tutto i nostri valori, e che metta in evidenza i nostri prodotti e soprattutto i produttori locali”. Così è possibile acquistare con un click e farsi recapitare a casa (magari per i regali di Natale) la marmellata di more di gelso raccolte nel gelseto di Cassina Rizzardi, dato in comodato d’uso gratuito dalla Provincia di Como a Tikvà che ha fatto lavorare diversi richiedenti asilo di Miledù. Ma anche le tisane (invernale, rilassante e depurativa) studiate con un tisaniere doc con la cooperativa Il Sentiero di Morbegno. Anche in questo caso le foglie sono state raccolte in un gelseto abbandonato, fatte essiccare e unite ad altre erbe per tisane uniche. Poi ovviamente i fili di luce con i bozzoli di bachi “comaschi”, allevati nelle case delle famiglie di Como.

Il prodotto di punta del momento però è senza dubbio Cocoon, la birra di more di gelso e pane raffermo. Un unicum in Italia che viene prodotta con il supporto del birrificio di Fenegrò.

“Le more di gelso donano un colore particolare – racconta l’esperto Andrea Zappa – è rosa. Inoltre per la produzione di questa birra si recupera e si dona nuova vita al pane raffermo del territorio. Fa una bella schiuma che racchiude i sapori: dolce, acidulo e infine amaro. Si può abbinare con crostata di marmellate, formaggi ma anche salmone in vista dei pranzi natalizi”.

E il futuro potrebbe portare nuovi e interessanti prodotti sempre made in Lario. Da Azalea infatti raccontano che “in Tremezzina stiamo raccogliendo le olive con ragazzi del centro educativo e del centro psichiatrico di Ossuccio. Poi verranno portate all’oleificio di Lenno che le spremerà e imbottiglierà per conto nostro. Inoltre stiamo avviando anche il recupero di un castagneto a San Siro e in Val Cavargna per creare farina di castagne”.

Una rete che presto avrà anche il supporto concreto di SlowFood. La referente Anna Zottola spiega: “Questa è una bella opportunità di conoscere la rete lariana. Ci siamo sorpresi di quanto lavoro hanno fatto in questi pochi anni. Per noi è fondamentale il buono, pulito e giusto e loro incarnano davvero questi termini. Preservano il biologico e il rispetto della nostra madre terra. Compreso un prezzo giusto, che dà il valore corretto a chi fa questo lavoro. Siamo pronti a promuovere i vostri prodotti”.

Sul tavolo c’è molto e si spera di arrivarci presto con la fine dell’emergenza Covid. “Già pensiamo a una sezione ‘Fuori Dal Lario’ per vendere prodotti realizzati nello stesso modo dei nostri ma da territori vicini come la Valtellina – conclude Paini – Inoltre vorremmo far partire le ‘Experience’ ovvero consentire alle persone che acquistano i nostri prodotti di fare esperienza con noi durante la produzione”.

Stephanie Barone

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia