Economia

L'azienda della Vaporella si rinnova: Francesca Polti presidente e ad, nel Consiglio di amministrazione entra Walter Lironi

L'ad Polti: "I costi di trasporto sono fuori da una dinamica di mercato e ormai sembrano legati a speculazioni che gli enti regolatori e le istituzioni, anche sovranazionali, dovranno urgentemente affrontare”

L'azienda della Vaporella si rinnova: Francesca Polti presidente e ad, nel Consiglio di amministrazione entra Walter Lironi
Economia Olgiate, 26 Luglio 2022 ore 11:41

Importante cambiamento nella governance societaria di Polti Spa, l’azienda di Bulgarograsso conosciuta nel mondo per le applicazioni del vapore, sia per quanto riguarda lo stiro che per la pulizia in ambito domestico e professionale.

L'azienda della Vaporella si rinnova: Francesca Polti presidente e ad

La proprietà ha definito infatti in questi mesi il nuovo assetto di governo della società, a sostegno dei prossimi obiettivi aziendali. Nello staff di vertice, Teresa Napoli Polti, co-fondatrice dell’azienda col marito Franco Polti e fino ad oggi Amministratrice Unica di Polti SpA, rimarrà come consulente senior, oltre a mantenere importanti cariche in altre società del Gruppo.

“Avevo espresso da tempo la volontà di continuare a seguire l’azienda dando il giusto spazio alle nuove generazioni, che con la propria visione manageriale potranno apportare contributi oggi fondamentali all’interno del nostro mercato, sempre più competitivo. Oggi siamo ad una svolta storica per la nostra azienda e ne sono orgogliosa. Un management strutturato, come quello prospettato dai miei figli, è la chiave di volta per affrontare le difficoltà e le opportunità del futuro” ha spiegato Teresa Napoli Polti.

L’assemblea dei soci dello scorso 13 luglio, ha deliberato la formazione del nuovo organo collegiale.  Il Consiglio d’Amministrazione, che si è riunito per la prima volta lunedì 18 luglio, è composto da Francesca Polti, nominata presidente e amministratrice delegata, e dai consiglieri Stefano Polti e Walter Lironi. L’ingresso di Lironi nell’organismo di vertice di Polti indica la volontà della famiglia di aprire la governance societaria verso l’esterno.

“Il cambio generazionale – ha dichiarato Francesca Polti – ha l’obiettivo di tramandare i valori che noi figli abbiamo ereditato, per applicarli al nuovo modo di fare impresa di oggi. La solidità della nostra azienda ci consentirà di sfruttare l’enorme patrimonio di esperienze dei fondatori di Polti, mio padre e mia madre, per  continuare ad abbracciare l’innovazione, la tecnologia, la sostenibilità, il futuro insomma. In questa evoluzione, da noi molto sentita, siamo felici di poter avere al nostro fianco una voce esterna più che autorevole nell’ambito economico finanziario internazionale, come quella di Walter”.

Stefano Polti, già amministratore di società del gruppo e fondatore di AromaPolti, società benefit attiva da oltre 17 anni nel settore del caffè, mantiene il ruolo di responsabile della  Divisione Business-to- Business dell’azienda di famiglia e ricopre la carica di consigliere nel neo costituito CdA, a questo proposito dichiara: “ Sono felice e onorato di affiancare Francesca e Walter nel consiglio, è un passo importante, quasi necessario, per un’azienda famigliare italiana che vuole ‘surfare’ le dinamiche di mercato  attuali invece di farsi travolgere".

Chi è Walter Lironi

Walter Lironi, che ha conseguito una laurea specialistica in Ingegneria meccanica presso il Politecnico di Milano e un MBA presso la MIT Sloan School of Management di Boston, è Senior Vice President di Visa, responsabile dell'attività di Visa Consulting & Analytics per l'Europa centrale e orientale, l'area MENA e l'Africa subsahariana (CEMEA) con sede a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. Nel corso della sua carriera è stato Chief Transformation Officer presso The Commercial Bank of Dubai (2015-2017) e Partner di McKinsey & Co dove ha trascorso 17 anni.

“Sono onorato di poter intraprendere questo percorso a fianco di Francesca a Stefano - ha dichiarato Walter Lironi - Polti rappresenta un orgoglio e una eccellenza del nostro territorio, un importante Brand a livello internazionale. Metterò a disposizione la mia esperienza e il mio entusiasmo per supportare l’azienda nel suo percorso di continuo sviluppo”.

Bilancio 2021 in crescita: +8% nel fatturato consolidato

Nella stessa assemblea è stato approvato il Bilancio 2021 con risultati positivi dopo un 2020 già in grande crescita: fatturato consolidato pari a 87 mio € con +8%  rispetto all’anno precedente; il fatturato sviluppato in Italia mantiene un’incidenza pari a circa il 50% sul totale. Il trend generale indica una solidità economico-finanziaria tale da porre le basi per un futuro di ulteriore sviluppo. L’utile e la rivalutazione del portafoglio marchi hanno rafforzato il Patrimonio Netto dell’azienda comasca, oggi pari a 17,4 mio €, evidenziando il valore degli asset intangibili, attraverso i quali Polti continua a presidiare  in posizione di vertice i mercati di riferimento.

Mercati dove Polti nel 2021 evidenzia risultati eccellenti nelle applicazioni del vapore: 11% di crescita nel mercato dello Stiro (generatori a vapore) in Italia dove si conferma leader a volume e conferma la posizione #1 nel mercato della pulizia a vapore. Leadership nel segmento della pulizia a vapore mantenuta, sia in termini di volumi che di valore, anche in Francia e maggiore presenza nel mercato dello stiro, in un anno che ha visto i prodotti per la cura dei capi vivere un buon momento dopo lungo tempo. Polti è inoltre un brand riconosciuto e apprezzato in Spagna (anche in questo caso leader nel mercato della  Pulizia a Vapore con circa il 50% di quota di mercato), in crescita nel Regno Unito (+29%) e in Germania (+80%) oltre a registrare una presenza ancora di nicchia, ma di assoluto rilievo, in USA coi propri prodotti a vapore per la disinfestazione delle cimici da letto.

Degni di nota sono anche i risultati negli altri comparti del mercato del Piccolo Elettrodomestico, come l’aspirazione (fino a + 30%
a seconda dei paesi) - dove sono previsti a breve nuovi lanci - e nei ferri a vapore tradizionali - dove l’azienda è entrata nel 2021 portando l’expertise unica dell’inventore del ferro con caldaia.

Il 2022 si sta rilevando un anno complesso, da una parte un’inflazione galoppante che limita il potere di acquisto del consumatore, dall’altra la difficile congiuntura macroeconomica caratterizzata dagli aumenti delle materie prime, l’impennata dei costi di trasporto, una guerra nel cuore dell’Europa e, non ultimo, la crisi di governo.

“Sapevamo di affrontare un anno complesso ma il protrarsi di alcuni fenomeni macroeconomici pongono le aziende in difficoltà. In particolare i costi di trasporto sono fuori da una dinamica di mercato e ormai sembrano legati a speculazioni che gli enti regolatori e le istituzioni, anche sovranazionali, dovranno urgentemente affrontare”. Questo quanto auspicato da Francesca Polti, che rimane però fiduciosa: “Noi, e tanti altri imprenditori italiani, stiamo investendo perché crediamo nel futuro del paese, anche e soprattutto se questo vorrà dire ripensare il modello di business in un’ottica sostenibile e innovativa.”

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie