il punto di vista

Giulio Russo (Sinistra per Mariano): “Per la ripartenza serve la collaborazione di tutti”

Giulio Russo ha scritto una lunga riflessione alla nostra redazione: tante proposte e l'augurio di una collaborazione.

Giulio Russo (Sinistra per Mariano): “Per la ripartenza serve la collaborazione di tutti”
Marianese, 15 Maggio 2020 ore 15:53

“Gli effetti del Covid purtroppo si sono fatti sentire anche nel nostro territorio, tanti contagi, purtroppo piangiamo anche nostri cari, insomma il contagio si è abbattuto come un tornado su Mariano. Cosa è stato o non stato fatto non è un problema dell’immediato, ci sarà tempo per chiarire e verificare alcuni aspetti (rsa, pochi controlli in primis) ma non è tempo di polemiche”. Inizia così la lunga riflessione che ha voluto inviarci Giulio Russo, di Sinistra per Mariano. Tanti gli interrogativi, alcuni dei quali saranno di competenza di Governo e Regione che, in queste ore, sono al lavoro per mettere nero su bianco le nuove linee guida.

Giulio Russo (Sinistra per Mariano): “Per la ripartenza serve la collaborazione di tutti”

“Superata questa fase inizia forse il ritorno alla normalità, seppur in misura equilibrata, ma come sarà questa semi normalità? Ci sono tante cose da pianificare ed organizzare e serve il contributo di tutte le forze politiche cittadine, di tutte le associazioni e di tutti i cittadini. I cimiteri, ad esempio, quando riapriranno avranno qualche misura di distanziamento? Faranno orario diverso dal solito? La Rsa Porta Spinola aprirà gradualmente ai parenti? Penso che tutti abbiano voglia di abbracciare i genitori e nonni. La bibiloteca comunale aprirà? E come? Faranno limite di ingressi? Sarà aperta solo per noleggio senza possibilità agli studenti di fermarsi a studiare? Lo spazio è poco e limitato. E il noleggio come sarà fatto? Si potrà prendere a prestito tranquillamente un libro o un testo da studiare? La stazione viene sanificata? Fnm garantisce ai pendolari e a settembre i nostri studenti marianesi la possibilita di viaggiare sereni?”, scrive.

“Occorre un pianto di aiuti per negozianti e baristi”

Si passa poi al lato economico. “Essendo stati chiusi per più di un mese, noi siamo preoccupati seriamente per il futuro delle attività commerciali ed artigianali della nostra città quanti negozi chiusi per il lockdown poi riapriranno? In questo mese e mezzo abbiamo visto la desolazione delle nostre vie, e se chiudono i pochi negozi rimasti, la desolazione ci sarà per sempre. Si sta pensando ad un piano di aiuti ai negozianti, ai baristi, magari riducendo imposte comunali? Quante botteghe artigiane riapriranno? La chiusura delle botteghe non è soltanto una perdita economica ma anche culturale e sociale perdendo anche la memoria storica dei cittadini. Siamo inoltre preoccupati che possano aumentare anche il numero degli indigenti, quanti rimarranno senza lavoro? Quanti saranno in cassa integrazione con il buio nel loro cuore? E le scuole e gli asili a settembre, come riapriranno? Si sta gia studiando il modo di diminuire alunni aumentando le classi? Perché non farci dare dalla regione l’ex Itis e trasformarlo in scuola? Questa sarebbe l’occasione limpida e giusta per prendere possesso di un edifico fatisciente e ristrutturarlo per gli alunni marianesi”.

“Parole d’ordine, programmare e gestire”

“Non sono critiche, ma domande da fare a chi ci amministra e alle opposizioni. Questo è il momento di fare quadrato, il Covid ha ammazzato il nostro passato, non facciamo che ci rovini il nostro presente e futuro. Prc e Sinistra per mariano sono seriamente preoccupate per il futuro dei negozianti, artigiani e di tutti i lavoratori. Se fino ad adesso la parola d’ordine era vivere alla giornata e preoccuparsi solo dei contagi, da adesso bisogna attentamente programmare e gestire bene la fase di uscita da questo tsunami, bisogna lavorare per  fare lavorare.
La nostra forza politica, benchè sia fuori dal Consiglio comunale è una piccola ma valida realta cittadina, pronta a lavorare. Il Covid ci ha portato via  due lunghi mesi,facciamo in modo che non ci porti via ancora di più”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia