Politica
la discussione

Nuova passerella sull'Adda a Colico: il Pd dice no

Nuova passerella sull'Adda: il Pd dice no. Stiamo parlando del percorso ciclopedonale sul fiume Adda che dovrebbe collegare i Comuni di Colico e Gera Lario. Il progetto (di cui si parla da anni), è stato presentato dalla Giunta diretta dal sindaco Monica Gilardi e i dem, colichesi, coordinati  Valentina Angelica Codurelli, hanno preso posizione.

Nuova passerella sull'Adda a Colico: il Pd dice no
Politica Lago, 12 Maggio 2022 ore 15:10

Secondo i dem una alternativa ci sarebbe, ovvero realizzare la passerella così come già stato fatto al ponte del passo per l’attraversamento del Mera.

Nuova passerella sull'Adda: il Pd dice no

"Come PD di Colico comprendiamo l’utilità di un intervento per attraversare il fiume Adda con la ciclopedonale ma non concordiamo con la scelta fatta dall’Amministrazione Comunale per realizzare l’opera stessa - si legge in una nota ufficiale del gruppo -  Il progetto ha un impatto visivo importante ed imponente che irrompe su uno scorcio naturale meraviglioso compromettendo il valore paesaggistico dei luoghi. Ricordiamo, inoltre che, a pochi passi dalla prevista passerella, è presente un’area protetta che ospita numerose specie di volatili che, considerata la scelta di realizzare un’opera architettonica che si sviluppa in altezza, potrebbero trovare difficoltà nei loro spostamenti con possibilità di impattare sulla struttura. Tali scelte, come per altro dichiarato in Consiglio Comunale dal vicesindaco Ielardi, hanno trovato parere negativo da parte di alcune associazioni ambientaliste, ma nonostante ciò, come dichiarato sempre dallo stesso Ielardi, i lavori comunque proseguiranno. Riteniamo inoltre che, oltre ai problemi paesaggistici e ambientali, la collocazione del ponte come prevista, non consentirebbe un adeguato collegamento con le altre ciclabili presenti sui comuni al di là dell’Adda".La nuova passerella ciclo pedonale sull'Adda "prende forma"

Secondo i dem una alternativa ci sarebbe, ovvero realizzare la passerella così come già stato fatto al ponte del passo per l’attraversamento del Mera. "L’impatto visivo sarebbe praticamente nullo - aggiunge Codurelli -  non ci sarebbero problemi per gli aspetti migratori e, paesaggisticamente, si otterrebbe un risultato compatibile con le peculiarità dei luoghi; i costi sarebbero senz’altro minori e l’attraversamento, posto in aderenza alla ferrovia Colico-Chiavenna, consentirebbe di collegare, con un peduncolo, la passerella sul fiume Adda con il vecchio passaggio a livello dismesso; in tal modo si creerebbe il collegamento con le ciclabili poste sulla sponda orientale del lago e verso la Valchiavenna, ciò senza interferire sul territorio della riserva Naturale".

E ancora: "Ci domandiamo , dunque, se siano state esaminate altre scelte progettuali o se ci si è accontentati della soluzione proposta per logiche “campanilistiche”: per mantenere l’opera nel Comune di Colico e soddisfare la smania di “tagliatori di nastro” presenti nella Giunta colichese . La soluzione alternative darebbe forse meno visibilità all’attuale Giunta, ma sicuramente salvaguarderebbe il territorio, la fauna ed il panorama che sono patrimonio di tutti, oltre che offrire un migliore e completo servizio anche ai cittadini di Colico e ai nostri turisti. Sottolineiamo infine che quest’opera, con le criticità sopra descritte, prevede un utilizzo di denaro pubblico, derivante dalle tasse dei cittadini, che va dai 2 ai 3 milioni di euro".

Seguici sui nostri canali
Necrologie