il caso

Senzatetto, tutti d’accordo sul dormitorio e il cerchio si stringe sul sindaco. Il Comune: “Via Cadorna già nei nostri piani”

Una nota da Palazzo Cernezzi precisa che le trattative con Asst Lariana erano già in atto "ma solo per chi è in regola con i permessi".

Senzatetto, tutti d’accordo sul dormitorio e il cerchio si stringe sul sindaco. Il Comune: “Via Cadorna già nei nostri piani”
Como città, 12 Giugno 2020 ore 16:55

Si stringe il cerchio attorno al sindaco Mario Landriscina e sulla Lega, da sempre contraria a un dormitorio in città, sulla questione senzatetto. Da ogni parte politica e civile arrivano sollecitazioni a dare una risposta concreta alla necessità di un dormitorio in città per i senza fissa dimora. Da un anno ormai vuole una risposta concreta la mozione, sottoscritta dalle consigliere Patrizia Lissi (Pd), Barbara Minghetti (Svolta Civica) e Ada Mantovani (ex Rapinese sindaco), approvata a larga maggioranza in consiglio comunale.

Senzatetto, tutti d’accordo sul dormitorio e il cerchio si stringe sul sindaco

Inoltre dopo lo slancio del presidente del consiglio regionale Alessandro Fermi (Forza Italia) di un dialogo aperto con Asst Lariana sulle strutture di via Cadorna e San Martino e le pressioni da parte del leader comasco di Fratelli d’Italia, Alessio Butti, urge per il sindaco dare risposte concrete e stringere i tempi.

Così da Palazzo Cernezzi, in vista di una manifestazione dell’associazione di volontariato Como Accoglie, proprio su questo tema, arriva un nota stampa:

“Il Comune di Como ribadisce di essere da tempo in contatto con ASST lariana, segnatamente con il Direttore Generale Fabio Banfi e con la sua struttura tecnica, per l’individuazione di immobili da destinare a funzioni di carattere sociale come previsto con l’approvazione della mozione consiliare. Non si spiegherebbe altrimenti l’impiego dell’immobile di via Cadorna, di proprietà di ASST, individuato in tempi brevi e messo a disposizione al Comune di Como nel periodo di massima emergenza sanitaria che a oggi non è ancora finita”.

Quindi la posizione di chi sta seguendo la vicenda in prima. “Quello iniziato con ASST – spiega l’assessore alla Polizia locale e Protezione civile Elena Negretti, che ha collaborato nella gestione dell’emergenza sanitaria – e altri soggetti istituzionali, che ringrazio per il silente impegno e per il lavoro, è un rapporto chiaramente propedeutico a considerare l’edificio di via Cadorna un valido supporto all’emergenza sanitaria per le persone senza fissa dimora che dovevano essere isolate a tutela della salute pubblica. Logisticamente ci sembra il luogo migliore sul quale concentrare la nostra attenzione, anche per la vicinanza alla Questura e alla Croce Rossa, comunque con il supporto di un ente preposto al monitoraggio dei casi. È chiaro che il comune di Como si occuperà solo delle persone senza dimora che sono in regola con tutti i permessi a norma di legge”.

Presto arriverà quindi una risposta definitiva sull’argomento?

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia