Chirurgia estetica a Como: come scegliere il chirurgo plastico giusto?

Chirurgia estetica a Como: come scegliere il chirurgo plastico giusto?
11 Gennaio 2021 ore 07:01

È sempre più comune ricorrere al chirurgo plastico per sentirsi più giovani e belli. Come è possibile però essere sicuri di rivolgersi alla persona giusta per l’intervento tanto desiderato?

Abbiamo fatto una chiacchierata con il Dr. Igor Pellegatta, chirurgo plastico che riceve a Como, Milano e Varese, che ci ha chiarito alcuni aspetti su questa importante scelta.

Qual è la differenza tra chirurgo plastico e chirurgo estetico?

Quando si parla di chirurgia plastica o chirurgia estetica è utile fare una precisazione dovuta. L’unico chirurgo plastico o chirurgo estetico è lo specialista in chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica ossia un professionista che ha frequentato 6 anni di medicina e chirurgia e 5 anni di scuola di specializzazione in chirurgia plastica.

Esiste molta confusione su questo argomento in quanto moltissimi medici che hanno frequentato master in chirurgia estetica o hanno trascorso un determinato periodo in un reparto di chirurgia plastica si definiscono non correttamente chirurghi plastici. 

Questo misunderstanding è reso possibile prima di tutto perché la legge italiana non proibisce in alcun modo di eseguire interventi di chirurgia estetica in regime privatistico da parte di non specialisti in chirurgia plastica. 

Questo non è invece permesso in ambiente ospedaliero pubblico dove solo lo specialista in una determinata disciplina è autorizzato ad eseguire un intervento.

È impossibile quindi trovare un ginecologo che esegua interventi a cuore aperto ma non è così insolito che un chirurgo gastrointestinale esegua un lifting del viso.

In questo modo anche un neolaureato in medicina e chirurgia potrebbe legalmente eseguire una liposuzione o una mastoplastica additiva semplicemente stipulando un’assicurazione professionale.

Per questo è importante capire che master, corsi di formazioni, webinar e congressi non sono in alcun modo sufficienti per acquisire la formazione e la esperienza maturata in 5 anni di scuola di specializzazione specifica in chirurgia plastica.

Il più delle volte la paziente interessata ad un intervento di chirurgia estetica non conosce questi dettagli. Esiste un semplice modo per verificare che il medico da cui ci si reca è effettivamente un chirurgo plastico: visitando la sezione “Ricerca Angrafica” del sito web della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri (FNOMCEO) ed inserendo nome e cognome del medico, ci si può facilmente assicurare che quel medico sia effettivamente un chirurgo plastico.

Molte volte si sente parlare di chirurgo plastico dei VIP o chirurgo estetico delle celebrità. In realtà, alcuni medici associati a questi epiteti non sono né chirurghi né tantomeno chirurghi plastici ma sono frutto di esercizi di marketing che li hanno resi famosi e visibili al grande pubblico.

Al giorno d’oggi chiunque con una buona disponibilità economica o con le giuste conoscenze può essere ospite televisivo e farsi pubblicità. Non per questo le ospitate in televisione dovrebbero sostituire un’adeguata formazione in chirurgia plastica.

Come può una paziente trovare il miglior chirurgo plastico per le sue aspettative?

Esistono moltissimi chirurghi plastici molto bravi e preparati ma come in tutte le cose è anche una questione di feeling interpersonale.

Una paziente dovrebbe affidarsi ad un chirurgo plastico di cui ha assoluta fiducia, da cui riceve disponibilità e chiarezza. Dovrebbe valutare anche le qualità della persona e non solo del chirurgo.

Dovrebbe giungere all’intervento chirurgico tranquilla e sicura della scelta effettuata.

Idealmente, dovrebbe ricercare testimonianze dirette da persone che conosce, ma questo non è sempre possibile.

I social o i siti web personali sono sicuramente uno strumento utile ed indicato per ricercare risultati ed informazioni su un determinato chirurgo ma non sostituiscono in nessun modo una visita presenziale.

Questo è l’unico modo per capire se il professionista da cui ci si reca sarà effettivamente quello migliore per operarsi.

Alcuni consigli che darei alla paziente interessata ad un intervento di chirurgia plastica è quello di diffidare di offerte irripetibili o sconti eccezionali. Un intervento chirurgico non è un paio di scarpe, è una modificazione del nostro corpo ed è definitivo. 

Esistono costi fissi di materiali, sala operatoria, farmaci e naturalmente di formazione che sono uguali per tutti. 

Un prezzo troppo allettante è probabilmente sinonimo di poca sicurezza in uno dei fattori appena elencati.

Non fatevi abbindolare da stunt pubblicitari o tecniche nuove e miracolose. L’efficacia nei risultati è data dalla preparazione, esperienza e gusto estetico del chirurgo plastico.

Non esistono scorciatoie così come non esistono tecniche più smart o mini di altre, non esistono addominoplastiche senza cicatrici o cicatrici completamente invisibili. Un completo recupero in 24 ore o interventi chirurgici eseguiti in 30/40 minuti durante la pausa pranzo sono pura fantascienza.

Sono semplicemente strumenti di marketing. 

Infine, il consiglio più importante che darei alle pazienti è quello di rivolgersi a professionisti che operano in strutture certificate dove l’igiene, l’organizzazione e la sicurezza sono ai massimi livelli, strutture abituate a trattare il paziente chirurgico e munite di tutti i presidi e specialisti necessari per trattare eventuali complicanze.

Che risultati dovrebbe ricercare una potenziale paziente in un chirurgo plastico?

Oggigiorno, mi sento di dire, che la migliore chirurgia plastica è il risultato di naturalezza, armonia e proporzioni.

Ogni intervento dovrebbe essere personalizzato secondo le singole caratteristiche della paziente, sempre ascoltando le sue preferenze.

Il risultato non dovrebbe mai essere innaturale o troppo esagerato. Dovrebbe migliorare, perfezionare, esaltare ma mai stravolgere l’individualità di ciascuno.

Un esempio chiaro ed attuale è quello che le pazienti ricercano ad esempio in una mastoplastica additiva.

Mentre in passato il modello maggiormente ricercato era il seno tondo, alto ed abbondante alla Baywatch, al giorno d’oggi le pazienti richiedono un seno più naturale preferendo sempre più una protesi anatomica (a goccia) per un risultato più fine ed elegante.

Anche il volume delle protesi inserite è solitamente minore rispetto ad un tempo.

L’ideale al giorno d’oggi è quindi operarsi senza sembrare operata.

 

Ringraziamo il Dr. Pellegatta per i suoi preziosi consigli sulla chirurgia plastica.

Per prenotare una visita a Como, Varese o Milano potete contattarlo tramite il sito web o sui suoi social network: Facebook e Instagram.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità