Idee & Consigli

Procreazione assistita in Italia: facciamo il punto

Procreazione assistita in Italia: facciamo il punto
Idee & Consigli 03 Marzo 2021 ore 07:00

In passato le coppie che avevano difficoltà a procreare erano costrette ad andare all’estero per provare a realizzare il loro sogno. Ma è ancora così? 

Negli ultimi anni anche in Italia qualcosa si muove. Si parla sempre più spesso di procreazione assistita ed è utile fare il punto e tirare le somme. Dopo anni in cui l’argomento veniva visto un po’ come un tabù, ora non è più complesso trovare informazioni in merito. 

La medicina della fertilità sta facendo molti passi in avanti, anche perché come rilevato anche dall’OMS le coppie che hanno dei problemi di fertilità sono in continua crescita. 

Ecco qualche dato utile per farsi un’idea. Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità il 15% delle coppie ha un problema di fertilità. 

Anche in Italia il problema non è di certo poco sentito, dato che sempre più coppie nel corso degli anni si rivolgono alla procreazione medicalmente assistita. Esistono diversi trattamenti e diverse tecniche di procreazione assistita in Italia ed è utile individuare quale sia quello più utile per la propria situazione. 

La prima cosa da fare è individuare un centro specializzato in fecondazione assistita Roma come il Centro Raprui che da anni è una delle eccellenze del settore. Avere al proprio fianco degli esperti permette di individuare la soluzione perfetta per il proprio caso. Questo perché non tutte le situazioni sono simili e non tutte possono essere trattate allo stesso modo. 

In alcuni casi, ad esempio, la scarsa fertilità è causata da un’età avanzata, in altri da problemi all’apparato riproduttivo dell’uomo o della donna. In ogni caso è utile analizzare da vicino la situazione, così da individuare il miglior percorso e arrivare alla tanto agognata procreazione

Oggi come oggi si decide di fare un figlio sempre più tardi, verso i 40 anni. Tuttavia è utile ricordare che dopo i 35 anni la fertilità di una donna è in calo e potrebbe essere più difficile procreare. Proprio per questo è utile osservare che l’Italia ha una media per quel che concerne l’età delle donne che richiedono l’accesso alla fecondazione assistita molto alta. Nello specifico si parla di 36,7 anni, l’età più alta in tutta Europa. 

Proprio alla luce di quanto detto scegliere il miglior centro per PMA in Italia è molto importante. Per ottenere un risultato ci si deve affidare sempre a dei professionisti in grado di accompagnare ogni singolo step di questo cammino che può essere anche difficile a seconda dei casi.

Necrologie