Menu
Cerca
Diritto allo studio

Scuola, rientro domani. Studenti: “Una presa in giro?”

La scuola è essenziale e se Governo e Regione non investono sull’istruzione è una sconfitta per tutti.

Scuola, rientro domani. Studenti: “Una presa in giro?”
Scuola 24 Gennaio 2021 ore 17:07

La presa di posizione dell’Unione degli studenti: “Questo rientro non è né un miglioramento né una vittoria”.

Domani la riapertura

L’Uds Lombardia si chiede se il rientro – parziale – tra i banchi sia sinonimo di investimento nella garanzia al diritto allo studio in sicurezza. “Regione Lombardia, per un errore di trasmissione dei dati dei contagi all’Istituto Superiore di Sanità, ha costretto a casa in zona rossa studenti e studentesse che ancora aspettano un piano reale per un rientro sicuro, e ha messo in difficoltà molti lavoratori e lavoratrici costretti alla chiusura – denuncia Ludovico Di Muzio, coordinatore dell’Uds Lombardia – Ora Governo e Regione litigano addossandosi colpe a vicenda, ma quando investiranno sul nostro futuro?”.

No ai litigi tra Governo e Regione

Secondo il sindacato studentesco, la scuola non può subire i litigi di Governo e Regione sui colori da assegnare settimana in settimana: “La scuola è essenziale e senza darci garanzie di investimenti ci stanno abbandonando a noi stessi, al rischio di contagio, alla stessa scuola di prima che​ va riformata da zero​”.

“Tornare in presenza al 50%, massimo 75%, senza investimenti sui test rapidi regolari, i termoscanner, il tracciamento, i sistemi di
areazione, i presìdi medici scolastici, l’aumento delle corse dei mezzi pubblici, il diritto allo studio, gli spazi, le assunzioni di organico, il superamento delle classi pollaio​, è l’immagine plastica del ​fallimento​”, – ribadisce Giulia Convertini dell’UDS Lombardia – Questo rientro non è ​né un miglioramento né una vittoria”.

 

Necrologie