Rinviato l'esordio della Tecnoteam in B1 a gennaio

Albese Volley, l’esordio della Tecnoteam in serie B è stato ancora rinviato a gennaio

Albese Volley, l'esordio della Tecnoteam in serie B è stato ancora rinviato a gennaio.

Albese Volley, l’esordio della Tecnoteam in serie B è stato ancora rinviato a gennaio
Erba, 06 Novembre 2020 ore 15:16

Albese Volley, ultima ora con un comunicato ufficiale della Fipav in merito ai campionati.

Albese Volley, salta il debutto previsto per il 22 novembre sul campo di Orago, con la speranza di ripartire a inizio 2021

Brutte notizie per l’Albese Volley e per la pallavolo in generale. Anche il campionato di serie B1 femminile, che sarebbe dovuto partire proprio in questo weekend con la Tecnoteam impegnata a Trescore sabato 7,  e poi rinviato al 21-22 novembre, ora subisce un nuovo spostamento al 2021. La conferma è arrivata direttamente dalla Fipav (Federazione italiana pallavolo), che ha rinviato ancora l’attività agonistica di tutti i campionati nazionali (tranne la serie A) al prossimo mese di gennaio, ovviamente valutando l’andamento del Covid in tutta Italia e in Lombardia in particolare. Spostato ancora, quindi, l’esordio stagionale del team di Cristiano Mucciolo, che sarebbe dovuto scattare domenica 22 novembre alle ore 17.30 sul campo dell’Orago, mentre il debutto casalingo avverrà sabato 28 novembre alla palestra Pedretti contro il team sardo di Palau. Se ne riparlerà invece a gennaio 2021. Speriamo.

Albese Volley Saff serie B1
Coach Cristiano Mucciolo e lo staff Albese

Questo il comunicato ufficiale Fipav

La Federazione Italiana Pallavolo, alla luce delle restrizioni contenute nel DPCM del 3 novembre e nel prendere atto della situazione epidemiologica che sta progressivamente peggiorando, seppur a malincuore, ha stabilito per la pallavolo indoor di sospendere l’attività di interesse nazionale di ogni ordine e grado – ad eccezione dei campionati nazionali di serie A la cui organizzazione rimane di competenza delle Leghe – rinviandola al prossimo mese di gennaio. Le attività di allenamento restano possibili nei limiti delle norme governative, regionali e locali, e nel rispetto dei protocolli federali.
Stesso provvedimento viene adottato per le discipline del beach volley e del sitting volley. La FIPAV, stante la situazione attuale e i provvedimenti già assunti da alcuni comitati periferici, non può ignorare l’incidenza del Covid-19 sulle società e, facendo proprie le oggettive difficoltà che le stesse stanno riscontrando sia nell’organizzazione sia nella programmazione dell’attività, si è vista costretta a prendere questa sofferta decisione. L’ultimo DPCM, infatti, anche alla luce della divisione del territorio nazionale in fasce differenti, non consente il regolare svolgimento dell’attività ed un’ottimale programmazione della stessa da parte delle società. Tale sospensione, che si aggiunge a quella precedentemente decretata relativa all’attività di interesse regionale e promozionale, avrà validità, come detto, fino al mese di gennaio, entro il quale verrà rimodulata necessariamente l’attività.
La Federazione Italiana Pallavolo, confidando nel senso di responsabilità dei propri tesserati e degli addetti ai lavori, tiene a ribadire, ancora una volta, che resta di fondamentale importanza l’adottare comportamenti di buon senso sempre nel rispetto delle prioritarie esigenze di tutela della salute connesse al rischio di diffusione da Covid-19; così come è di primaria importanza la tutela dei rappresentanti legali delle società.
Il Cs Alba Albese, che già in questi giorni ha sospeso l’attività per la positività di alcuni elementi del Gruppo Squadra, prende atto della decisione sia pure con rammarico per il grosso sforzo, nel pieno rispetto delle normativa vigenti, fatto da dirigenti, staff ed atlete in questi mesi di preparazione in vista della nuova stagione. A breve vi comunicheremo le nuove modalità di ripresa dell’attività agonistica.
albese volley Amichevole Tecoteam Legnano

 

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia