Pallacanestro giovanile

Basket lariano allenamenti di squadra e partite stop fino a fine giugno?

Basket lariano i settori giovanili rischiano lo stop totale il parere di alcuni addetti ai lavori.

Basket lariano allenamenti di squadra e partite stop fino a fine giugno?
Como città, 18 Marzo 2020 ore 18:43

Basket lariano i settori giovanili rischiano lo stop totale il parere di alcuni addetti ai lavori

Basket lariano un’indicazione dai medici sportivi italiani che di fatto sancirebbe la fine della stagione 2019/20

La stagione 2019/20 del basket lariano giovanile e scolastico potrebbe di fatto essere già chiusa. L’emergenza coronavirus ha per ora stoppato partite e attività di tutte le società nostrane come di quelle nazionali almeno  fino a nuove indicazioni delle autorità ma questo stop oggi rischia di allungarsi fino a fine giugno compromettendo di fatto l’ultima parte della stagione agonistica e sportiva di un grande esercito di cestisti e addetti ai lavori che gravita sul nostro territorio. Una possibilità diventata ancora più concreta dopo la comunicazione di ieri sera arrivata dalla federazione medici sportivi italiani che ha raccomandato lo stop degli allenamenti collettivi dei settori giovanili e scolastici fino al 30 giugno prossimo. Questo significherebbe nessuna possibilità di riprendere gli allenamenti in palestra e concludere di fatto la stagione agonistica corrente. Con quali conseguenze è ancora tutto da 1erificare visto che a riguardo si attendono comunicazioni da parte del comitato Fip  della Lombardia che gestisce le gare sul territorio regionale a cui partecipano tutte le squadre lariane. Uno scenario drammatico e preoccupante a cui guardano con attenzione da tutti gli addetti ai lavori, allenatori, dirigenti e giocatori. Abbiamo chiesto ad alcuni personaggi del basket giovanile lariano come vivono questo momento e questa eventuale soluzione estrema.

Sergio Del Vecchio responsabile settore giovanile Le Bocce Erba e istruttore Minibasket Cantù

“Ovviamente stiamo vivendo una situazione inedita quanto drammatica. Abbiamo giustamente stoppato tutte le nostre attività giovanili da quasi un mese ormai ma siamo in contatto con i nostri ragazzi con schede di lavoro individuali, giochi, quiz, e chat di gruppo. Ma non è la stessa cosa: sintomatico che i ragazzi abbiano una voglia matta di tornare alla normalità a giocare insieme ai loro compagni e addirittura anche a scuola. Questo è sintomatico.Dirò di più. Noi sportivi dobbiamo monitorare come si comporterà la scuola perché la svolta arriverà proprio dalle decisioni scolastiche. Quando riaprirà la scuola infatti sono convinto ci saranno tutte le garanzie e condizioni per riprendere anche la nostra attività giovanile in palestra. Non prima. Io ci spero, magari dopo Pasqua di poter riprendere gli allenamenti di gruppo anche se temo sarà molto difficile come penso sarà molto complicato portare a termine i campionati interrotti visto che sono tante le partite da recuperare in ogni categoria. Ma io ci spero sempre”.

 

Emanuele Castiglieri dirigente GS Villa Guardia.

“Anche la nostra attività cestistica come quella di tutte le altre discipline sportive in società, senior e dei settori giovanili è ferma da un mese. Penso che siamo stati tra i primi in perfetta sintonia con il comune di Villa Guardia a fermarci anche con gli allenamenti. E’ dura per tutti e per i nostri atleti ma ovviamente finchè non ci sarà la sicurezza assoluta resteremo fermi a malincuore. Grazie ai nostri preparatori e ai vari tecnici i nostri atleti possono allenarsi a casa individualmente. La speranza è quelle di ricominciare a farlo anche insieme ma concludere regolarmente la stagione sportiva la vedo molto dura. Bisogna aspettare e vedere come evolverà la situazione e sperare che tornino quanto prima le condizioni per allenarsi in palestra. Abbiamo già pensato di recuperare il tempo perso magari organizzando open days e attività speciali per le scuole e per il settore giovanile. Ma ovviamente per attuarle dobbiamo aspettare che riprendano le scuole. Per quanto riguarda invece i campionati attendiamo lumi e indicazioni dalla federazione. Ci piacerebbe riprendere anche perché con la squadra di Promozione femminile siamo primi in  classifica a tre turni dalla fine della regular season. Speriamo di avere il tempo di giocare almeno queste ultime tre gare e poi si vedrà se fare o no i playoff. Ma ripeto ora non resta che aspettare e sperare che la situazione si risolva quanto prima altrimenti si ripartirà a settembre”.

 

Cosimo de Milo coach Basket Costamasnaga serie B e Under16

“Anche noi siamo fermi con tutte le nostre squadre anche se le ragazze di ogni categoria da casa stanno seguendo piani di lavoro individuali di mantenimento. Sospendere le attività giovanili fino al 30 giugno? Giusto se non ci saranno condizioni e garanzie di sicurezza per tutti ma penso che prima di prendere decisioni così assolute e definitive bisognerebbe aspettare almeno fino a metà o fine aprile aspettando di vedere come evolve la situazione. Perché non dimentichiamoci che la stagione sportiva non è stata sospesa dopo poche settimane o a metà ma dopo quasi sei mesi quindi sarebbe giusto prendersi il tempo necessario per le giuste valutazioni. Penso poi che si potrebbe investire anche sul periodo estivo estendendo l’attività giovanile anche nei mesi di giugno luglio e anche agosto. Sarebbe un’appendice importante perché consentirebbe di concludere i campionati di ogni categoria regionale e anche quelle che prevedono finali nazionali e oltretutto potrebbe avere anche una valenza emotiva importante. Dopo questo lungo stop forzato l’attività giovanile in estate potrebbe rappresentare una vera e utile valvola di sfogo per tutti confidando in temperature e condizioni generali migliori. Per ora giusto stare fermi per la sicurezza e la salute di tutti, poi aspettiamo dopo Pasqua per fare il punto della situazione e decidere il futuro della stagione”.

2 foto Sfoglia la gallery

 

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia