Sport
Serie A2

Cantù verso la trasferta di Latina, Sacchetti: "Stefanelli forse torna. Voglio rivedere una difesa importante"

"Loro hanno giocatori pericolosi e dei tiratori che se gli lasci spazio fanno canestro. Non dovremo regalargli contropiedi facili", ha aggiunto il coach canturino.

Sport Canturino, 01 Dicembre 2022 ore 16:47

Torna a giocare la Pallacanestro Cantù che lo scorso fine settimana a ha osservato il turno di riposo. Un ritorno in campo che però non la vedrà solcare il parquet casalingo, ma quello della Benacquista Assicurazioni Latina sabato 3 dicembre alle 19. Una sfida tra due formazioni a dir poco in forma: mentre da una parte i laziali arrivano da tre vittorie consecutive, di cui due in trasferta; dall'altra i canturini e coach Meo Sacchetti sono reduci da un filotto di cinque vittorie. Una sfida che regalerà emozioni e forse anche il ritorno di Francesco Stefanelli tra i convocati come ha detto lo stesso Sacchetti alla conferenza di oggi, giovedì primo dicembre.

Il video della conferenza

Cantù verso la trasferta di Latina

Come detto, Cantù arriva da una settimana di sosta, una situazione che crea sempre divisioni tra gli allenatori, tra favorevoli e contrari, tra chi sfrutta il momento per approfondire le dinamiche di gioco e chi invece pensa faccia perdere il ritmo ai propri giocatori. Coach Sacchetti fa parte del secondo gruppo.

"Non sono favorevole a queste soste, abbiamo fatto solo otto partite: queste pause potrebbero essere utili quando si va più in là con la competizione o se ci sono degli infortuni di poco conto. Sicuramente toglie un pochino di ritmo. Adesso è importante vedere questo ritorno in campo sotto l’aspetto mentale: abbiamo fatto un gran primo quarto fuori casa a Casale e dobbiamo cercare di ripeterlo. Noi non abbiamo mai dominato le partite, l’unica è stata a Piacenza. Non possiamo sentirci superiori, anche perché loro arrivano da tre vittorie consecutive, giocano in casa ed è sempre stimolante giocare contro Cantù".

Vietato sottovalutare l'avversario, settima forza del campionato, mentre Cantù si trova là davanti a tutti, sul ramo più alto dell'albero condividendo però il trespolo con la Vanoli Cremona. Infatti, dopo otto partite di campionato entrambe vantano 7 vittorie e una sconfitta.

"Il nostro primo bilancio può essere definito positivo. Mi aspettavo qualcosa di meglio all’inizio, qualcosa di buono abbiamo fatto vedere e abbiamo ancora dei passi avanti importanti da fare. Adesso speriamo che con il rientro di Stefanelli inizieremo ad essere una squadra di 10 giocatori che vogliono giocare tutti. A quel punto capiremo la reale forza della nostra squadra. Tutti vogliono essere protagonisti, lo step successivo sarà vedere come reagiamo al chi gioca più e chi gioca meno".

Ma prima di pensare al futuro c'è da pensare al prossimo impegno, quello di sabato contro Latina che ha in rosa giocatori dalle statistiche da non sottovalutare. Cominciando dalla media punti: il play/guardia statunitense classe ’98 Mike Lewis (16,9), Rodríguez (13,5), l’ala bulgara del ’99 Ivan Alipiev (11,5), il centro del ’91 Abdel Fall (9,8), l’ala del ’96 Cacace (7,2), l’ala/centro del ’98 Alexander Cicchetti (6,3) e Parrillo (5,1). Per quanto riguarda i rimbalzi, domina Fall con 8,6, seguito da Alipiev e Cicchetti (5,6 a testa).

"Loro hanno giocatori pericolosi e dei tiratori che se gli lasci spazio fanno canestro. Non dovremo regalargli contropiedi facili e dobbiamo cercare di fare la nostra miglior difesa. Abbiamo avuto sprazzi in alcune partite e per andare a vincere a Latina avremo bisogno di questi sprazzi di difesa, come a Casale. Questo è indubbio. Se pensiamo di giocare canestro a canestro non va bene, è una cosa che non mi piace molto".

Seguici sui nostri canali
Necrologie