Sport
pallacanestro

Pallacanestro Cantù batte Treviglio, Sodini: "Se recuperiamo le energie possiamo competere con tutti"

Prossimo weekend biancoblù in campo contro Fabriano, in trasferta, per la prima partita della fase a orologio.

Pallacanestro Cantù batte Treviglio, Sodini: "Se recuperiamo le energie possiamo competere con tutti"
Sport Canturino, 11 Aprile 2022 ore 09:29

Con grande autorità e quasi sempre in controllo del match, la Pallacanestro Cantù riesce a fare sua la partita contro Treviglio, l’ultima del girone di ritorno prima della fase clou della stagione composta da fase a orologio e playoff. In più occasioni sopra anche di venti punti contro una squadra di vertice quale la Gruppo Mascio (quarta in classifica nel Girone Verde di A2), Cantù amministra le proprie energie nei minuti di finali e si aggiudica il match con il risultato di 78-70 a proprio favore.

Pallacanestro Cantù batte Treviglio

Brianzoli in campo alla palla a due con Bucarelli, Allen, Severini, Da Ros e Bayehe; la risposta ospite, invece, è affidata a Rodriguez, Corbett, Miaschi, Sacchetti e Langston. Ottimo inizio di Cantù, avanti 7 a 2 dopo neppure due giri di lancette; Da Ros e Allen i più attivi in attacco. In avvio, l’Acqua S.Bernardo macina punti su punti, costringendo coach Carrea a fermare subito il cronometro; un gioco da tre punti di Bayehe (canestro più libero aggiuntivo a bersaglio) consente ai canturini di sprintare sul 10 a 2. Al rientro in campo dopo la breve pausa, Miaschi guida i suoi verso un mini-parziale di 6 a 0 che accorcia le distanze tra le due squadre. Grazie alla fisicità di Langston, Treviglio si fa sotto in più occasioni ma Nikolic, con una tripla, dà una bella sterzata al primo quarto, portando Cantù avanti di cinque lunghezze. 20-15 a poco più di 2’ dalla fine dei primi dieci minuti. La prima frazione termina 22 a 18.

La partenza di Cantù è ottima anche in avvio di secondo periodo: Cusin e Allen allungano sul momentaneo +8, che diventa +11 grazie a una gran tripla di Bucarelli. 29-18 dopo appena novanta secondi. La S.Bernardo prende il largo con i canestri di Allen e Nikolic, permettendo alla compagine di coach Sodini di scappare nel punteggio. Bayehe allunga ulteriormente realizzando il canestro del +17 (38-21) a metà del secondo quarto; il divario si fa ancor più corposo quando capitan Da Ros sfiora i venti punti di margine, segnando il quarantesimo punto dei padroni di casa. A due minuti e mezzo dall’intervallo, Sacchetti accorcia con la tripla del -15 che dona nuova linfa alla formazione ospite. Nel finale di primo tempo il duo Stefanelli-Severini si carica sulle spalle attacco e difesa di Cantù, rendendosi protagonista di ottime giocate sia nella metà campo offensiva sia in quella difensiva. Con grande tenacia, dopo averlo a lungo cercato, l’Acqua S.Bernardo trova il meritato +20, rientrando negli spogliatoi sul 48-28. Due i giocatori canturini in doppia cifra al 20’: Stefanelli e Bayehe, 10 punti ciascuno.

Il secondo tempo inizia con maggiore equilibrio rispetto ai primi venti minuti:  confermarlo è l’ex di giornata, Rodriguez, autore della tripla che consente alla Gruppo Mascio di accorciare sino al -13. 50-37 al 23’. È sempre Rodriguez, poco dopo, a segnare un’altra tripla che consente ai trevigliesi di rientrare prepotentemente in partita. Coach Sodini, però, preferisce prevenire, chiamando subito time out, con Cantù comunque avanti di dodici punti. 50-42 a metà frazione. Alla ripresa del gioco, alcuni fischi al limite fanno infuriare proprio Sodini, sanzionato dalla terna con un fallo tecnico. Treviglio torna a -9 ma Allen, dopo una strepitosa azione di squadra, centra il bersaglio grosso, ridando ossigeno ai canturini con una tripla essenziale. Con determinazione e precisione, Cantù torna avanti di venti grazie a un Nikolic sempre più in partita. Al 30’ brianzoli avanti 63-47.

Il quarto e ultimo periodo inizia come era finito il terzo, ovvero con Nikolic ancora in evidenza. Gli ospiti provano a rientrare nel punteggio, con Corbett che, da tre punti, accorcia momentaneamente sul -14. Time out Sodini sul 73 a 59, con quest’ultimo desideroso di tenere alta la concentrazione dei suoi. Ancora Corbett, però, a ridare speranza alla Gruppo Mascio: ospiti a -9. Il divario si accorcia ulteriormente quando Rodriguez realizza due triple consecutive. Tuttavia, la risposta canturina non tarda ad arrivare grazie ai canestri di Allen prima e Bucarelli poi. Questa volta è Trevigio a fermare il gioco, sotto di dieci. 78-68 al 38’. Finale senza troppi rischi: finisce 78 a 70 per Cantù. Allen top scorer con 16 punti; 7 assist per Da Ros e 6 per Bucarelli. Prossimo weekend biancoblù in campo contro Fabriano, in trasferta, per la prima partita della fase a orologio.

Il commento del coach

"Ricordo che nella partita di precampionato, giocata in Supercoppa, Treviglio partì segnando ben 17 punti nei primi 6 possessi. Cinque
triple e un canestro da due. Oggi, invece, siamo stati oggettivamente molto più bravi, specialmente nel primo tempo, a togliere a Treviglio quelle che sono le sue caratteristiche principali e a limitare i loro produttori di punti nonché i produttori di vantaggio. Poi, tra il primo e il secondo tempo, c’è stata una differenza profonda, chiaramente. Ma a volte capita che la stanchezza possa guidare il cervello a staccare per un momento, e dopo 11 partite in 31 giorni lo posso più che comprendere - ha detto coach Marco Sodini al termine della partita - Nel secondo tempo siamo stati estremamente frenetici negli accoppiamenti e abbiamo forzato molti più tiri, ma ci sta nell’arco di una partita.
Un controllo da parte nostra così marcato, però, non me lo aspettavo, sono onesto, anche perché Treviglio è forte, ben allenata ed è stata capace di vincere sia contro di noi sia contro Udine. Quindi, ci prendiamo con gioia il fatto di aver terminato la prima parte della stagione, adesso ci attendono quattro partite prima dei playoff".

"Il nostro compito, però, è quello di giocare una partita alla volta. Il nostro obiettivo è quello di produrre la miglior pallacanestro per più
tempo possibile. Se riusciamo a recuperare le energie, secondo me, abbiamo la possibilità di competere con tutti e, lo sapete bene, io non mi nascondo mai. Tuttavia, siamo una squadra che ha ancora margini di miglioramento, è nostro dovere, dunque, cercare di cavalcarli" conclude.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie