Sport

Pallacanestro Cantù nettamente sconfitta in casa da Venezia

Il live della partita al PalaDesio.

Pallacanestro Cantù nettamente sconfitta in casa da Venezia
Sport Canturino, 23 Dicembre 2018 ore 20:26

Quarta frazione

Ancora Gaines in penetrazione. Giuri da tre e di nuovo Gaines. Il match con Mazzola in lunetta. 71 a 93 finale.

Ultimi due minuti di gioco. Gaines arriva a quota 23 punti, gli stessi che ci sono di distacco tra le due squadre, a 1'31" dalla fine del match.

Il match è chiuso da un pezzo. Coach Pashutin chiama time out sul 63 a 88.

E' Bramos ancora da tre (21 punti anche per lui) a riportare Venezia sul +18. Poi un fallo antisportivo porta in lunetta Washington, che ne segna uno su due. Il possesso è ancora di Venezia, che a poco più di tre minuti dal termine supera i venti punti di distacco.

Ancora Gaines, unica nota positiva della serata, giunto al suo 21esimo punto. ci Prova poi Mitchell da tre, ma non va.

Jefferson in lunetta: 0 su 2. I canturini lottano in difesa ma molti giocatori appaiono stanchi. E' Jefferson a segnare da sotto: doppia cifra anche per lui. 57 a 74 a 6'35" dalla fine.

Subito due canestri per Venezia, che vola sul +21, poi un fallo fischiato a favore di Cantù scatena l'applauso ironico del pubblico.

Grande tensione sugli spalti per gli ultimi fischi degli arbitri. Si riparte con il possesso di Venezia.

Terzo quarto

Un buon contropiede concluso da Blakes, poi un'altra palla rubata e due punti di Gaines. A un secondo dalla sirena fischio contro Udanooh e due liberi per Bramos, che non sbaglia. 53 a 70 alla fine del quarto.

Inizia l'ultimo minuto del quarto con Cantù sotto di 19 punti.

Fase stanca della pafrtita. In lunetta Gaines che arriva a 17 punti personali (11 per Udanooh), Venezia risponde con un tiro da tre che porta il distacco a 21 punti.

A 3'23" dalla fine del terzo quarto la partita sembra aver già trovato il suo padrone. Solo gli Eagles non mollano.

Daye con tre bombe da da tre spegne l'entusiasmo canturino. 42 a 61 e nuovo time out per Cantù.

Gli Eagles richiamano il pubblico al sostegno della squadra. Si torna in campo con Cantù in attacco. Udanooh in penetrazione accorcia le distanze. Poi una buona difesa regala ancora la palla a Gaines che sbaglia ma Cantù non molla e guadagna la rimessa: Jefferson porta la squadra a -10.

Rimessa dal fondo per Cantù e palla di nuovo regalata: piovono fischi. Pashutin chiama time out per ridare tranquillità alla squadra. 38 a 52 a 7'32" dalla fine.

Si riparte. E' ancora di Blakes il primo errore e il pubblico dà segnali di impazienza. Venezia segna e Udanooh risponde, poi Bramos segna da tre.

Secondo quarto

Una buona difesa di Cantù regala l'ultimo possesso ai padroni di casa. Udanooh chiude il quarto con una perentoria schiacciata. All'intervallo lungo 36 a 47.

Al rientro prova Tassone da tre e sbaglia. Sull'altro lato non sbaglia Bramos: +14. Poi Mitchell guadagna due tiri liberi e ne segna uno.

Dopo qualche ottimo minuto dell'Acqua S.Bernardo è di nuovo Venezia a dettare legge: Pashutin chiama time out sul 33 a 44 a 1'45" dalla fine.

Incessante il grido degli Eagles. Blakes porta Cantù sul meno sette e, dopo una buona difesa, Cantù non ne apporfitta per accorciare di nuovo.

Buona difesa di Mitchell, sull'altro lato del campo viene fischiato uno sfondamento a Udanooh che fa esplodere il palazzetto. Venezia prova da tre ma il rimbalzo è canturino. I padroni di casa sono in partita e Davis chiude una bella azione con la schiacciata del 31 a 40, a tre minuti dalla fine della frazione.

Ora Cantù reagisce. Altra palla recuperata in difesa e altro fallo subito. Blakes dà una bella palla a Udanooh sotto canestro ma il capitano sbaglia e Watt segna il canestro guadagnando anche il fallo aggiuntivo. 28 a 40.

E' ancora Gaines a suonare la carica: bomba da tre che lo porta a 16 punti personali. Poi Blakes ruba palla a centrocampo e guadagna due tiri liberi, due su due e meno nove.

Ancora errori in attacco e in difesa, Pashutin chiama il time out e piovono i primi fischi dalle tribune. Il risultato è fissato sul 23 a 37.

Cantù continua a sbagliare molto in attacco e Venezia non perdona arrivando al vantaggio in doppia cifra.

Ancora Gaines, questa volta dalla lunetta. 13 punti per lui, ma terzo fallo sul ribaltamento di fronte.

Parte ancora bene Venezia: Watt conclude in schiacciata una bella azione, replica Gaines. Nove punti di distanza.

Il sostegno di Venezia

"La gente come noi non molla mai". Canturini e veneziani cantano insieme e i tifosi di Venezia espongono uno striscione per la Pallacanestro Cantù.

Primo quarto

Cantù perde un altro pallone in attacco e Cerella mette un canestro da tre punti. Mitchell segna in schiacciata sulla sirena. Il primo tempo si chiude sul 20 a 29.

A meno di un minuto falla fine Gaines accorcia le distanze poi un fischio dubbio degli arbitri sotto canestro fa infuriare il PalaDesio. Giuri in lunetta fa uno su due.

Ci pensa Bramos a rompere gli equilibri: 3 punti per gli ospiti, mentre Cantù sbaglia di nuovo in attacco.

Due tiri liberi riportano Cantù a un solo possesso, ma ancora una bomba per Venezia ristabilisce le distanze.A due minuti dalla fine il risultato è bloccato sul 16 a 22.

Blakes fatica ad entrare in partita e perde un altro pallone in attacco, Venezia punisce i canturini con una bomba da tre, scappando sul 13 a 19.

Due errori di Cantù in attacco non permettono l'aggancio, poi Gaines riporta i padroni di casa sul -1. 13 a 14 a 4'14" alla fine del quarto.

Udanooh sembra in partita, Cantù rimane attaccata a Venezia: 11 a 12 a 5'31" dal termine del primo quarto.

Biligha porta avanti i suoi, poi Blakes pareggia il conto ma Stones colpisce di nuovo da 3. Jefferson accorcia ancora le distanze: 9 a 10.

Incomprensione in difesa e schiacciata di Daye poi Gaines colpisce dalla lunga distanza. 5 a 5. Udanooh prende un bel rimbalzo in difesa ma Cantù non capitalizza in avanti.

Parte bene Udanooh: i primi due punti sono suoi. Risponde Stone con una bomba da tre.

Cantù schiera La Torre, Gaines, Blakes, Udanooh e Jefferson

Il ricordo di Chicco Ravaglia

La serata si è aperta con uno struggente ricordo di Chicco Ravaglia, morto esattamente 19 anni fa in un tragico incidente stradale, proprio dopo una partita. Gli Eagles lo hanno ricordato con diversi striscioni e un coro incessante accompagnato dagli applausi dei presenti.

Le due squadre

Questi tutti gli uomini a disposizione di coach Evgeny Pashutin: Frank Gaines, Tony Mitchell, Gerry Blakes, Ike Udanooh, Biram Baparapè, Salvatore Parrilo, Shaheed Davis, Maurizio Tassone, Andrea La Torre, Luca Pappalardo, Francesco Quaglia e Davon Jefferson.

L'Umana Reyer Venezia di coach Walter De Raffaele risponde con: Marquez Haynes, Julyan Stone, Michael Bramos, Stefano Tonut, Austin Daye, Andrea De Nicolao, Gasper Vidmar, Mihajlo Jerkovic, Deron Washington, Paul Stefan Biligha, Marco Giuri, Valerio Mazzola, Bruno Cerella, Mitchell Watt, Tomas Kyzlink.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie