Sport
lo sfogo sui social

Pallacanestro Cantù, l'atleta no vax Robert Johnson via dall'Italia: "Costretto a lasciare il mio lavoro perché ho preso una decisione che ritengo la migliore per me"

E' stato costretto a lasciare l'Italia non avendo voluto vaccinarsi.

Pallacanestro Cantù, l'atleta no vax Robert Johnson via dall'Italia: "Costretto a lasciare il mio lavoro perché ho preso una decisione che ritengo la migliore per me"
Sport Canturino, 25 Gennaio 2022 ore 09:48

La nuova normativa anticovid non permette agli atleti professionisti di scendere in campo senza essere stati vaccinati o essere guariti dal coronavirus negli ultimi quattro mesi. Per questo motivo nei giorni scorsi, la Pallacanestro Cantù ha risolto il contratto con l'atleta statunitense Robert Johnson, che ha deciso di non vaccinarsi.

Pallacanestro Cantù, l'atleta no vax Robert Johnson lascia l'Italia

Johnson lascia quindi Cantù e l'Italia non prima di aver lanciato il suo messaggio contro l'obbligo vaccinale: ecco le sue parole affidate a un post su Instagram.

"Di solito non sono uno di molte parole, ma vorrei prendermi un momento e ringraziare Pallacanestro Cantù per l'opportunità di giocare per un'organizzazione così storicamente grande. Apprezzo tutti, dal Presidente e GM fino ai giovani giocatori che occasionalmente ci hanno aiutato in allenamento. I tifosi sono stati tra i più solidali che abbia mai incontrato nella mia carriera. Sono per sempre grato per la mia esperienza e per essere stato parte di un gruppo così professionale. Per i miei compagni di squadra e allenatori, eravamo sul punto di realizzare qualcosa di grande insieme e crescevamo nel rispetto e nella comprensione reciproci ogni giorno. Spero che si realizzi tutto ciò che ci eravamo prefissati di fare e complimenti per la fantastica vittoria contro Torino.

Detto questo, mi sconvolge dire che ho dovuto lasciare l'Italia a causa del regolamento sul green pass recentemente aggiornato. Il regolamento prevede che ogni atleta in Italia venga vaccinato o che sia stato contagiato negli ultimi 4 mesi. In precedenza erano state messe in atto regole in modo che i giocatori che sceglievano di non essere sottoposti al vaccino venissero testati all'incirca ogni 48 ore per poter giocare. Ho fatto innumerevoli test, anche 3 volte in un giorno. Mai una volta sono risultato positivo e di quelli che sono risultati positivi nel nostro campionato, erano stati vaccinati. Un mio amico italiano ha fatto una battuta con me e mi ha detto "tutti in quella stanza sono positivi, basta che ti siedi lì per un'ora e una volta guarito poi potrai giocare". Anche se era uno scherzo, penso che sia triste che mi avrebbe effettivamente permesso di rimanere e giocare una volta che sarei stato considerato guarito, ma essere in buona salute rafforzando naturalmente il mio sistema immunitario mi ha lasciato incapace di farlo. Tuttavia, sono stato costretto a rinunciare al mio lavoro perché ho scelto di prendere una decisione che ritengo sia la cosa migliore per me nel rimanere senza vaccino.

Ma perché? E come? Perché sono considerato il problema quando sono rimasto in salute? Perché ho dovuto scegliere tra il mio lavoro e la mia libertà per prendere le mie decisioni? Com'è possibile che questo sia accaduto nel mondo libero? Essere risvegliati è avere occhi che vedono.

AMORE, PACE E VIGILANZA attraverso Yahusha il Messia"

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie