Sport
Basket

Pallacanestro Cantù: le parole di coach Sodini

"Tre quarti molto bene, bravissimi. L’ultimo periodo, invece, facciamo finta di non doverlo guardare".

Pallacanestro Cantù: le parole di coach Sodini
Sport Canturino, 15 Novembre 2021 ore 10:18

Pallacanestro Cantù: le parole di coach Sodini.

Pallacanestro Cantù: le parole di coach Sodini

La S. Bernardo-Cinelandia Park si impone in casa contro Orzinuovi cogliendo, con merito, il settimo successo consecutivo in campionato; sette in altrettante partite. Ecco le parole nel post gara di coach Marco Sodini:  «Tre quarti molto bene, bravissimi. L’ultimo periodo, invece, facciamo finta di non doverlo guardare. Nel quarto quarto ho chiamato un secondo time out, anche un po’ “arrabbietello”, per far capire alcune cose. Non mi piace quando qualsiasi nostro giocatore incomincia a pensare a qualcosa che non sia da lui controllabile, come una scelta arbitrale. Siccome noi oggi giochiamo le partite pensando come se fossero quelle di maggio, dobbiamo anche capire che quando giochiamo abbiamo lo stemma di Cantù sul petto. Quindi, non c’è niente di scontato, neppure i secondi che concedo a chi scende in campo. Poi certo, ci vuole la misura delle cose, perché bisogna anche evidenziare il fatto che non tutte le squadre di A2 sono capaci di andare sul +27 in tre quarti, ed è la seconda volta di fila che questo accade. Dunque, tutto sommato, un calo di attenzione è anche fisiologico. Di sicuro i nostri avversari sono molto migliori di quanto non dica la loro classifica e noi siamo stati molto più bravi a farli sembrare molto meno bravi di noi, di quanto effettivamente non siano. I miei complimenti vanno in particolare a Stefanelli e Allen, i quali, su Corbett, hanno fatto una signora difesa. Idem Da Ros, che ha spiegato pallacanestro, è stato bravo a limitare Epps e Renzi, non consentendo a nessuno dei due di accendersi e di prendersi tiri aperti. In conclusione: vorremmo arrivare a giocare una partita difensiva per tutti i 40’, in cui nessuno stacca la spina, evitando anche di lasciare canestri facili ai nostri avversari. È bene che incominciamo già adesso a lavorare in ottica playoff».

Le parole di Bulleri

Massimo Bulleri, coac di Orzinuovi: «È stata una partita nella quale abbiamo sofferto molto. Già in partenza sapevamo che oggi sarebbe stato molto difficile e la gara si è rivelata, nella sua globalità, ancor più difficile. Un plauso, però, va ai miei ragazzi, che ci hanno creduto fino alla fine. Hanno giocato a testa alta fino all’ultimo e, questo, è certamente un bellissimo segnale per oggi e per il futuro. Ci sono giocatori che, purtroppo, non stanno rendendo per quello che ci saremmo aspettati, quindi il momento sicuramente non è facile. Tuttavia, continua a esserci un’ottima atmosfera e grande unità di intenti. Tutti questi sono ottimi segnali per quello che può essere il nostro percorso nel futuro prossimo».

Necrologie