Sport
STORIE SOTTO L'ALBERO

Strepitoso Stefano Meroni: doppio oro dopo il grave incidente

Il Giornale di Erba regala ai lettori di Primacomo.it le più belle storie raccontate nel corso del 2021 sulle pagine del nostro settimanale.

Strepitoso Stefano Meroni: doppio oro dopo il grave incidente
Sport Erba, 02 Gennaio 2022 ore 16:00

Stefano Meroni ce l’ha fatta di nuovo. Sabato 4 settembre ai Campionati italiani su pista, il ciclista luraghese ipovedente ha conquistato due medaglie d’oro in coppia con Piergiacomo Marcolina, l’atleta di Pordenone con cui gareggia in tandem dal 2018 per la società T-Red di Desenzano del Garda.

Strepitoso Stefano Meroni: doppio oro dopo il grave incidente

Al Velodromo Francone di San Francesco Al Campo (Torino), Meroni e Marcolina si sono riconfermati campioni nelle specialità del chilometro da fermo (1’11’’), nella quale hanno vinto tutte le edizioni dal 2015, e dell’inseguimento (5’02’’), titolo che avevano ottenuto per la prima volta nel 2018. «Ci tenevamo a far bene e ci siamo riusciti in due specialità ad alta intensità – racconta Stefano – L’inseguimento era la gara più incerta, ma da metà in poi abbiamo capito che sarebbe bastato resistere perché stavamo girando ad un buon ritmo».

Meroni, classe 1987, tornava in pista dopo la vittoria ottenuta ad aprile ai Campionati italiani su strada, un brutto incidente e tre settimane di stop. Infatti il primo luglio a Bellagio, mentre stava ultimando la preparazione per i Campionati italiani - Crono con il padre Carlo, il ciclista era stato vittima di un grave incidente. Stefano «se l’era cavata» con due fratture mentre il padre aveva avuto la peggio: trauma cranico-facciale e poi il coma. Ma il 15 luglio erano arrivate le prime notizie positive: «Papà si è svegliato dal coma». Tuttavia le due fratture erano costate a Stefano quasi un mese con il gesso: «Lo stop forzato è stato pesante e un po’ si è sentito in gara, ma siamo stati bravi a mantenere un ritmo regolare».

E nel frattempo le condizioni del padre sono migliorate: «Papà sta molto molto meglio, è ancora in ospedale ma è in riabilitazione e ci sono prospettive per un buon recupero. La cosa bella è che è riuscito a seguirci in diretta». Prossima tappa? L’arrivo del padre a casa: «Lo aspettiamo. Poi si inizierà a pensare ai prossimi progetti». Perché Stefano non ha proprio intenzione di fermarsi.

(Giornale di Erba, sabato 11 settembre 2021)

Necrologie