Attualità
l'annuncio

Abbondino d'Oro 2022, una sola onorificenza per omaggiare don Roberto Malgesini

Il Comune di Como ha deciso di concedere la benemerenza civica a un solo cittadino quest'anno: il parroco degli ultimi tragicamente assassinato.

Abbondino d'Oro 2022, una sola onorificenza per omaggiare don Roberto Malgesini
Attualità Como città, 21 Ottobre 2022 ore 16:21

La Commissione per le Civiche Benemerenze del Comune di Como, nella seduta del 20 ottobre 2022, ha condiviso unanimemente l’assegnazione dell'onorificenza per l’anno 2022 a don Roberto Malgesini, il parroco degli ultimi tragicamente assassinato a San Rocco due anni fa.

Abbondino d'Oro 2022, una sola onorificenza a don Roberto Malgesini

"La Commissione ha deciso di conferire un’unica onorificenza alla memoria di don Roberto Malgesini, dando così esclusivo prestigio e rilievo alla Civica Benemerenza denominata 'Abbondino d’Oro'" si legge nella nota di Palazzo Cernezzi. La Commissione ha deciso di premiare postumo il parroco  nell'ambito della Classe IV – Benemeriti delle attività solidaristiche e filantropiche – art. 7 del Regolamento.

Alla seduta della Commissione erano presenti il presidente Carlo Mantero, i consiglieri Avogadro Loredana, Stefano Legnani, Alessandra Locatelli, Vittorio Nessi, Aldo Noseda, Arianna Pellegatta, Camilla Veronelli, il sindaco Alessandro Rapinese e il presidente del Consiglio Comunale, Fulvio Anzaldo. Data, luogo e orario della cerimonia di consegna della cerimonia di conferimento non sono ancora state rese note.

La figura di don Roberto Malgesini

La mattina del 15 settembre 2020 è ancora vivida nella mente di tutti i comaschi. Poco dopo le 8 la notizia dell'assassinio di un parroco, a colpi di coltello, si è diffusa nel capoluogo e non solo. Il sangue in piazza San Rocco dove sono accorse le ambulanze, poi le forze dell'ordine e la Polizia scientifica per i rilevamenti. Don Roberto Malgesini, 51 anni, parroco proprio della chiesa di San Rocco era originario di Regoledo di Cosio, in provincia di Sondrio e collaboratore parrocchiale della Comunità pastorale Beato Scalabrini, era stato ucciso.

Stava caricando sulla sua auto le colazioni per i senzatetto come ogni mattina, ed è stato colto alle spalle proprio da uno di quegli ultimi a cui aveva dedicato la vita. Il dolore, il lutto, le indagini, il processo. Alla comunità di Como non restava che il desiderio di omaggiare questo parroco tragicamente ucciso. Così la Provincia di Como gli ha dedicato un premio, la comunità di Gravedona gli ha recentemente intitolato la scuola, nei mesi successivi alla tragedia lo hanno omaggiato sia Papa Francesco che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Mancava l'Abbondino d'Oro, la benemerenza civica della sua città, e finalmente è arrivato.

Seguici sui nostri canali
Necrologie