Attualità
L'appello

Bassone, la Uil torna a denunciare la cronica carenza di personale

I dati relativi a dicembre 2021, forniti dall’Amministrazione, parlano di una carenza allarmante in due ruoli chiave per un Istituto: il 70% in meno nel ruolo Ispettore; l’80% in meno in quello Sovrintendente

Bassone, la Uil torna a denunciare la cronica carenza di personale
Attualità Como città, 25 Luglio 2022 ore 10:03

La Uil del Lario e in particolare la Uil Pa Polizia Penitenziari Como denunciano, ancora una volta, la cronica carenza di personale per la gestione del carcere Bassone di Como. Snocciolano numeri e criticità dell'anno in corso e su tutti emerge il dato relativo alla mancanza di personale, che già nel dicembre 2021 contava 46 poliziotti penitenziari in meno, ma che ora vede acuirsi il problema.

Bassone, la Uil torna a denunciare la cronica carenza di personale

La Circondariale di Como gode il privilegio di esser considerato un Istituto medio-piccolo, in linea di principio uno di quegli Istituti in cui si potrebbero meglio concentrare le poche e limitate risorse costitute da uomini, mezzi fondi. Conta infatti un totale di 370 detenuti così suddivisi: 320 nei reparti maschili, 40 in quello femminile, 10 nella sezione riservata ai trans. A fronte di questi numeri ce ne sono altri poco incoraggianti dati dalle vacanze organiche del personale di Polizia Penitenziaria: l’organico previsto dal P.C.D. del 29/11/2017 consta 236 unità, la forza operativa presente a dicembre 2021 era di 194 unità, ossia di 46 baschi azzurri in meno del previsto.

Ma non è finita qui. Dagli ultimi dati ufficiali fornite alle organizzazioni sindacali, dati relativi alla situazione di dicembre 2021, pensionamenti, trasferimenti, distacchi in altra sede, servizi di missione per corsi di aggiornamento, hanno aumentato ancor di più la carenza in essere. I dati relativi a dicembre 2021, forniti dall’Amministrazione, parlano di una carenza allarmante in due ruoli chiave per un Istituto, circa il 70% in meno nel ruolo Ispettore, circa l’80% in meno in quello Sovrintendente.

A farne le spese sono i diritti soggettivi dei poliziotti penitenziari. Uno su tutti: la legge 395/90 nell’art. 11 comma 5 dispone testualmente che: "il personale che per particolari esigenze di servizio non possa usufruire del riposo settimanale ha diritto a goderne entro le 2 settimane successive". Una disposizione tristemente infranta in diverse occasioni, come documentato da vertenze sindacali della Uilpa Polizia Penitenziaria, occasioni manifestatesi a gennaio/febbraio ma anche maggio ed ora, col piano ferie estivo, esplose in un numero non indifferente di episodi.

La denuncia della situazione

"Ne fanno le spese - secondo la nostra interpretazione - anche i diritti dei detenuti stessi: se in un Istituto aperto nel 1983 (e costruito anni prima) quindi progettato secondo modelli custodiali passati e superati si aggiunge anche la carenza di personale, così come di altre figure specialistiche (quali educatori etc) come si può pretendere che non si corra il rischio che l’art. 27 della Costituzione (...Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato...) rimanga su carta? -  sottolineano Dario Esposito, Responsabile UIL Pa Polizia Penitenziari Como, e Salvatore Monteduro, Segretario Generale UIL Lario - La sfida che pone la Circondariale di Como è: si può garantire al lavoratore, in quanto il poliziotto penitenziario prima di esser poliziotto è un dipendente di un datore di lavoro, i propri diritti? Lo Stato può garantire, in edifici strutturalmente superate e con importanti vacanze d’organico, il percorso rieducativo? La UIL chiede che le Istituzioni ai vari livelli si occupino delle problematiche vissute nella casa circondariale di Como e non si aspetti un nuovo casus belli".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie