Attualità
gli aiuti

I fondi post alluvione sul Lago di Como: altri 3 milioni per finanziare la difesa del suolo

Altri 36milioni arriveranno dallo Stato per i territori comaschi colpiti da alluvioni per i quali era stato dichiarato lo stato di Emergenza nazionale.

I fondi post alluvione sul Lago di Como: altri 3 milioni per finanziare la difesa del suolo
Attualità Lago, 11 Aprile 2022 ore 17:05

“Sono risorse vitali per ricostruire un territorio ferito dalla violenza delle alluvioni della scorsa estate”. Commenta così il Presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi lo stanziamento di oltre 3 milioni di euro da parte di Regione Lombardia per finanziare la difesa del suolo in provincia di Como.

I fondi post alluvione sul Lago di Como: altri 3 milioni per finanziare la difesa del suolo

“Si tratta di un pacchetto di contributi consistente che rientra nel programma di interventi urgenti e prioritari che si realizzeranno entro il 2026 e che permetterà di aiutare le amministrazioni locali messe in forte difficoltà dalla furia di un’alluvione tra le più gravi della storia recente del comasco - precisa Alessandro Fermi - Queste risorse rappresentano un supporto concreto soprattutto per i Comuni più piccoli che hanno oggettive difficoltà a far fronte ai lavori e che ora possono guardare con maggiore fiducia al ripristino delle opere danneggiate e, per il futuro, alla sicurezza del territorio e degli abitanti”.

Il finanziamento regionale di 3.205.000 euro servirà a sostenere sette interventi: stabilizzazione delle scarpate in via ai Monti soprastanti il torrente Torrino nel Comune di Albese con Cassano (550.000 euro); messa in sicurezza di versanti e corsi d'acqua nel Comune di Campione d'Italia (500.000 euro); manutenzione straordinaria e opere per la messa in sicurezza della frana in cima a valle Pianezza nel Comune di Caslino d'Erba (800.000 euro); manutenzione straordinaria attraverso risezionamenti, argini e briglie da rinforzare sui torrenti Telo di Claino e Lirone nei Comuni di Claino, Laino, Ponna e Ramponio Verna (500.000 euro); opere di regimazione idraulica e idrogeologica nel bacino del torrente Gordana nel Comune di Lasnigo (315.000 euro); individuazione e dismissione innesti acque chiare derivanti da reticoli minori in frazione Logo nel Comune di Plesio (450.000 euro); completamento della stabilizzazione dei versanti e realizzazione delle opere idrauliche di trattenuta materiale nel Comune di Vercana (90.000 euro).

Inoltre, ulteriori 36.557.000 euro (quasi il 50% del fondo complessivo previsto per tutte le provincie alluvionate) saranno disponibili, entro il mese di giugno, per i territori comaschi colpiti da alluvioni per i quali era stato dichiarato lo stato di Emergenza nazionale: i fondi, in fase di definizione con il Dipartimento di Protezione civile, saranno attribuiti a Regione Lombardia nell’ambito del PNRR.

"Il programma – ha sottolineato il sottosegretario di Regione Fabrizio Turba- mira alla mitigazione del rischio idraulico ed idrogeologico andando ad affrontare sia problemi strutturali, evidenziati dalla programmazione dell'Autorità Distrettuale di Bacino del Po (ADBP) nel Piano di gestione del rischio alluvioni e del Piano per l'Assetto Idrogeologico, sia problemi più puntuali di carattere locale, ma importanti per le comunità ed i territori".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie