Cronaca
l'episodio

Domenica ha investito due finanzieri: arrestato il giovane italiano che ha tentato la fuga al posto di blocco

Il conducente dell'auto ha prima iniziato un inseguimento, poi quando gli agenti lo hanno bloccato, li ha investiti per fuggire.

Domenica ha investito due finanzieri: arrestato il giovane italiano che ha tentato la fuga al posto di blocco
Cronaca Olgiate, 21 Aprile 2020 ore 08:54

Domenica ha investito due finanzieri a un posto di blocco a Lurate Caccivio: è stato arrestato e portato a processo.

Domenica ha investito due finanzieri a un posto di blocco

Come vi abbiamo raccontato domenica, nel tardo pomeriggio del 19 aprile 2020 un'auto non si è fermata all'alt di un posto di blocco della Guardia di Finanza a Lurate Caccivio e fuggendo ha investito due finanzieri. Si trattava di un classico servizio di vigilanza sull’osservanza delle misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Gli agenti quel pomeriggio hanno intimato l’alt a una autovettura con a bordo due giovani italiani in transito lungo la strada statale Varesina. Il conducente del veicolo, alla vista della pattuglia, ha disatteso l’ordine imposto ed ha prontamente accelerato per far perdere le
proprie tracce. È stato intrapreso, così, un veloce e pericoloso inseguimento lungo le vie di Lurate Caccivio, che si è concluso poco dopo sulla SS342, quando i militari hanno superato il veicolo e bloccato la carreggiata di marcia.

Ciò, tuttavia, non è bastato a porre fine alla fuga. Il conducente, infatti, vedendo i Finanzieri scendere dal veicolo ed avvicinarsi repentinamente, ha dapprima speronato l’autovettura ed in seguito ingranato la retromarcia trascinando i militari sull’asfalto per alcuni metri, così da allontanarsi e far perdere le proprie tracce all’interno del paese.

I militari coinvolti, di 50 e 51 anni, sono stati assistiti sul posto da un’autoambulanza della SOS di Appiano Gentile e condotti presso il vicino ospedale Sant’Anna per essere sottoposti alle relative cure mediche.

L'arresto

Nell’immediatezza, sono intervenute sul posto altre due pattuglie della Guardia di Finanza che hanno individuato il conducente del mezzo all’interno della propria abitazione. Lo stesso, prelevato e condotto in caserma, ha sin da subito motivato il gesto per paura di essere sanzionato per violazione alle norme anti Covid-19. Nel frattempo, anche il passeggero veniva identificato e condotto in caserma.

Il soggetto alla guida del mezzo oltre alle relative sanzioni elevate per aver violato le misure restrittive relative all’emergenza sanitaria nonché diversi articoli del Codice della Strada, è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, omissione di soccorso, lesioni personali e danneggiamento in attesa del giudizio per direttissima.

Nella giornata di ieri, lunedì 20 aprile 2020, a conclusione del processo per direttissima, il Giudice ha convalidato l'attività di polizia giudiziaria operata dalla Compagnia di Olgiate Comasco e la difesa ha richiesto il ricorso al rito alternativo del patteggiamento, salvo integrale risarcimento dei danni fisici e materiali da parte dell'imputato.

Necrologie