Cronaca
la manifestazione

In 200 in piazza Cavour per i diritti dei senzatetto: "Como ha volontari ma anche tante case vuote: basta ai portici"

Presenti tantissimi volontari, esponenti politici e hanno cittadini che vogliono una risposta concreta sulla situazione.

In 200 in piazza Cavour per i diritti dei senzatetto: "Como ha volontari ma anche tante case vuote: basta ai portici"
Cronaca Como città, 13 Giugno 2020 ore 17:16

Si è svolta questo pomeriggio, sabato 13 giugno 2020, la manifestazione organizzata da Como Accoglie e altre realtà di volontariato della città per sensibilizzare le istituzioni verso la situazione dei senzatetto.

In 200 in piazza Cavour per i diritti dei senzatetto

In cerchi bianchi disegnati per terra per mantenere le distanze di sicurezza oggi in piazza Cavour c'erano circa 200 persone. Per la maggior parte sono coloro che ogni giorno, nei limiti delle proprie possibilità, danno una mano ai senza fissa dimora della città. Il problema è noto e caldissimo in questo periodo: il progetto Emergenza Freddo, come ogni anno in questo periodo, si è chiuso e circa una 70ina di persone sono tornate a dormire per strada, sotto i portici della città. San Francesco, proprio accanto al Tribunale, ma anche il Liceo Volta ne sono il simbolo.

"La situazione è difficile - spiega, microfono alla mano, Marta Pezzati di Como Accoglie - Como però ha tante risorse umane e un terzo settore molto attivo ma soprattutto è una città ricca, in special modo di immobili che possono essere messi a disposizione di chi non ha una casa. E' brutto che dopo tutto questo tempo ancora non ci sia stata una risposta dignitosa a questo problema".

" I diritti delle persone sono scritti nero su bianco nella nostra Costituzione - spiegano gli organizzatori - E quel documento impone a tutte le amministrazioni che venga permesso di goderne a ogni cittadino. Non è un optional. Noi non siamo qui per mettere davanti ai senzatetto, per parlare per loro. Noi siamo qui perché riteniamo che questa situazione tocchi tutti noi".

Quindi concludono: "Il non avere una casa non è una questione di nazionalità: chi fa distinzioni tra italiani e clandestini ce l'ha semplicemente con i poveri. Tutti. Non ci devono essere persone senza una casa: diamo le case sfitte, vuote a prendere polvere, a chi ne ha bisogno".

8 foto Sfoglia la gallery

LEGGI ANCHE --> Senzatetto, tutti d’accordo sul dormitorio e il cerchio si stringe sul sindaco. Il Comune: “Via Cadorna già nei nostri piani

 

Necrologie