Cronaca
l'episodio

"Mia moglie è a casa con il Coronavirus": panico in farmacia a Casnate

Il negozio ha deciso, per tutelare i propri operatori, di servire dallo sportello utilizzato per i turni di notte.

"Mia moglie è a casa con il Coronavirus": panico in farmacia a Casnate
Cronaca Canturino, 18 Marzo 2020 ore 16:57

"Mia moglie è a casa con il Coronavirus": panico in farmacia a Casnate con Bernate.

Coronavirus, panico in farmacia a Casnate

Un episodio assurdo quello accaduto a Casnate con Bernate e nello specifico nella farmacia del paese. Un uomo infatti è entrato nel negozio chiedendo aiuto ai farmacisti, dicendo che sua moglie era a casa e stava male perché aveva il Covid 19. Una frase che ha mandato, giustamente, nel panico gli operatori perché anche i parenti dei pazienti malati devono rigorosamente restare in isolamento a casa per evitare che il contagio si diffonda.

Visto l'increscioso episodio, anche se non si sa se la moglie dell'uomo fosse davvero positiva, la farmacia ha deciso di continuare a prestare il proprio servizio alla cittadinanza ma a porte chiuse. "E' necessario, i farmacisti fanno il loro lavoro ma devono anche tutelarsi" ha commentato il primo cittadino Fabio Bulgheroni.

Così chi ha la stretta necessità di recarsi in farmacia in paese potrà farlo nei consueti orari (8.30 - 13 e 15.30 - 19.30) ma sarà servito attraverso lo sportello sito sulla parete a destra dell'ingresso principale. Sono già state predisposte transenne e segnaposto a terra.

LEGGI ANCHE --> Terzo decesso a Casnate con Bernate

 

Necrologie