Solidarietà

Nuova spinta solidale da Fondazione Scalabrini: al via la campagna “Un giorno dopo l’altro” FOTO

Gli aderenti che effettueranno una donazione riceveranno uno speciale ringraziamento

Nuova spinta solidale da Fondazione Scalabrini: al via la campagna “Un giorno dopo l’altro” FOTO
Cronaca Como città, 10 Dicembre 2020 ore 14:19

La pandemia non ferma Fondazione Scalabrini, nata nel 2004 dal sodalizio tra Acli Como, Caritas Como, Confcooperative Insubria e Fondazione San Carlo Milano con l’obiettivo di fornire alloggi temporanei alle famiglie più bisognose. Ormai alle porte di un Natale insolito, la fondazione guidata da Francesca Paini ha attivato la campagna “Un giorno dopo l’altro”, ribadendo impegno e dedizione verso chi si trova in difficoltà.

Con questa iniziativa, Fondazione Scalabrini propone agli aderenti di sostenere, proprio un giorno dopo l’altro, i nuclei familiari sfrattati, adottandoli per una o più giornate. Un giorno in una casa dell’ente comasco, infatti, costa in media 20 euro tra affitti, utenze e manutenzioni essenziali.

La Casa dei Bambini di Fondazione Scalabrini è pronta ad accogliere famiglie in difficoltà

Tre artisti per Fondazione Scalabrini: tutti i dettagli della nuova iniziativa

Gli artisti comaschi Fabrizio Musa, Pablo Bermudez e Andrea Greco hanno messo in campo il proprio estro, consegnando un’opera ciascuno alla Fondazione. I partecipanti alla campagna potranno:

  • Effettuare una donazione di 200 euro, che consente di sostenere le famiglie per dieci giornate: in tal caso, gli aderenti riceveranno a casa, come ringraziamento, una stampa di tutte e tre le opere (formato 12 cm x 21 cm), firmate dagli autori e in una pregiata tiratura limitata in 50 copie;
  • effettuare una donazione di 20 euro, che permette di coprire il costo di una giornata: in tal caso, l’organizzazione mostrerà la propria gratitudine inviando una copia non firmata delle tre opere.
3 foto Sfoglia la gallery

Le opere sono visionabili anche sul sito di Fondazione Scalabrini alla pagina “Un giorno dopo l’altro”. Per essere certi di riceverle in tiratura limitata, si consiglia di prenotarle contattando direttamente la Fondazione all’indirizzo mail fondscalabrini@confcooperative.it.

Inoltre, chi fosse interessato a sostenere il progetto può effettuare una donazione sul conto corrente della Fondazione Scalabrini, IBAN IT 12I 08430 10900 000 000 262878 – Cassa Rurale e Artigiana di Cantù.

Per maggiori informazioni, è possibile consultare il sito dell’ente (cliccando qui), scrivere una mail all’indirizzo di cui sopra o telefonare a Francesca Paini al numero 333.44.44.893.

La missione della fondazione

Supportare Fondazione Scalabrini significa innanzitutto aiutare famiglie con bambini che non possono accedere alle case popolari, ma al contempo non sono in grado di comprare o affittare una casa. Dal 2004, l’ente mette a loro disposizione, per l’arco temporale di anno, appartamenti arredati e pronti per essere abitati.

Se da un lato Fondazione Scalabrini rivolge la sua competenza esclusivamente alla risoluzione di problemi connessi all’alloggio, tuttavia l’organizzazione è consapevole che spesso lo sfratto è solo la conseguenza di altre difficoltà, relative al lavoro, alla salute o di tipo sociale. Per questo, la fondazione lavora in sinergia con i servizi sociali, le parrocchie, le cooperative ed altri attori che si premurano di segnalare le famiglie bisognose. In particolare, le attività di Fondazione Scalabrini sono:

  • Offerta di alloggi abitabili da subito, in housing temporaneo
  • Stipula di contratti temporanei per situazioni di emergenza
  • Supporti per avviare co-housing
  • Micro-credito finalizzato al problema abitativo, prevalentemente in convenzione con Servizi Sociali
  • Accompagnamento nella gestione del budget familiare per far fronte ai costi dell’affitto.

 

Martina Sangalli

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità