politica

Sbarre e coperte alzano la temperatura a Como: presidio davanti al Comune e “corridoio della vergogna”

Manifestanti davanti al Comune in attesa che cominci il consiglio comunale.

Sbarre e coperte alzano la temperatura a Como: presidio davanti al Comune e “corridoio della vergogna”
Como città, 09 Settembre 2020 ore 20:35

Sbarre e coperte alzano la temperatura a Como: presidio davanti al Comune e “corridoio della vergogna”.

Sbarre e coperte alzano la temperatura a Como

La proposta leghista delle sbarre a San Francesco per evitare che i senzatetto dormano sotto i portici aveva già scandalizzato parte della città. Il video di ieri, 8 settembre 2020, in cui l’assessore alle Politiche Sociali Angela Corengia toglie la coperta a un migrante che sta ancora dormendo sotto i portici affinché avvenga la “tradizionale” sanificazione ha scandalizzato mezza Italia.

La manifestazione di protesta di questa sera organizzata da Cominciamo da Como davanti a Palazzo Cernezzi ha quindi adesso una doppia valenza: contro le sbarre ma anche contro l’atteggiamento della giunta nei confronti di chi vive sotto San Francesco.

“Quello che si imputa alla Corengia non è tanto il gesto di aver tolto la coperta perché potrebbe anche averlo fatto con una carezza – spiega davanti al Comune Roberto Adduci di Cominciamo da Como – Il problema è che non stia lavorando per risolvere i problemi di chi dorme sotto San Francesco”.

Così i manifestanti hanno posizionato un tappeto rosso all’ingresso del Comune e l’hanno rinominato “corridoio della vergogna” per i consiglieri comunali chiamati a entrare per partecipare al consiglio comunale.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia