Cultura
le luci sulla città

Como Città dei Balocchi, #Intangibile è completa: le "piazze d'artista" incantano

Per l'edizione di quest'anno della kermesse natalizia un pugno di artisti ha concepito le attrazioni luminose.

Como Città dei Balocchi, #Intangibile è completa: le "piazze d'artista" incantano
Cultura Como città, 22 Dicembre 2021 ore 16:02

Como Città dei Balocchi, #Intangibile è completa: le "piazze d'artista" incantano.

Como Città dei Balocchi, #Intangibile è completa: le "piazze d'artista" incantano

La realizzazione di una “sezione artistica”, in una circostanza gioiosa come la Città dei Balocchi, ha un fine molto semplice: è un omaggio alla città e alle persone. L’idea, è quella di permettere alle persone di intraprendere un viaggio sentimentale nei luoghi del quotidiano e del patrimonio che sentiamo appartenerci.

L’obiettivo è quello di ispirare “meraviglia”, di lavorare con l’effetto wonder di cui l’arte è capace per passare dall’osservazione, alla visione e, alla fine, al sogno. Del resto, una città vestita a festa attraverso immagini e luci, non è una pura e meravigliosa illusione?

Un gruppo di artisti, composto da Andrea Greco, Jago, Massimo Malacrida riunitosi attorno a Fabrizio Musa, ha deciso di dedicare la propria opera alle persone, in questo Natale di rinascita. Ogni opera, come accade nella vita, ha avuto le sue necessarie contrarietà, e questo le rende più autentiche e aderenti alla realtà.

Come l’"Apparato circolatorio" di Jago, che non potendo pulsare sul fronte di Porta Torre, sarà trattenuto in un fotogramma all’interno del corpo dell’edificio per esplodere e poi pulsare (finalmente!) sui nostri dispositivi. Così come "L’Ultima Cena" di Fabrizio Musa, che dialoga con la mole dell’abside del Duomo, con le sue asperità materiali i suoi volumi, accettando l’inevitabile differenza tra reale e ideale, così come accade nel rapporto con la spiritualità.

“Sempre Libera”, di Andrea Greco affronta la sfida di dare un corpo alla musica, a lungo e ancor oggi negata. In alcuni momenti della giornata, il Teatro che la ospita sul fronte la sprigionerà anche fisicamente, in altri verrà resa necessaria-mente tangibile attraverso i nostri dispositivi: perché possa essere comunque “sempre libera”. Massimo Malacrida con Melissa Rigamonti assieme alle classi 4 e 5 della Scuola Primaria “Bruno Munari” di Cantù, hanno piantato un “Bosco immaginario” in Piazza Volta, popolato di fantasia e di gioia e di vita. I bambini, hanno gioiosamente invaso lo spazio lasciato libero dalle giostre abituali di Piazza
Volta e ci aiuteranno a capire (come diceva Bruno Munari) che “Il pensiero pensa, l’immaginazione vede”.

GUARDA LE FOTO

Fabrizio Musa - abside Duomo 2
Foto 1 di 8
Andrea Greco - Teatro Sociale
Foto 2 di 8
Tributo a Munari - Piazza Volta2
Foto 3 di 8
Porta Torre Cuore di Jago 1
Foto 4 di 8
Palazzo Terragni Badiali
Foto 5 di 8
Palazzo Terragni Sant'Elia
Foto 6 di 8
Palazzo Terragni Volta2
Foto 7 di 8
Palazzo Terragni Volta
Foto 8 di 8

L'elenco delle opere:

PORTA TORRE
Apparato Circolatorio
Jago

DUOMO DI COMO (abside)
The Last Supper.txt
Fabrizio Musa

PIAZZA DEL POPOLO
Comum Portaits.txt
Fabrizio Musa

PIAZZA VOLTA
Tributo a Bruno Munari
Massimo Malacrida

TEATRO SOCIALE
Sempre Libera
Andrea Greco

SUL LAGO LA NUOVA EDIZIONE DI LAKE COMO CHRISTMAS LIGHT

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie