evento imperdibile

Il pianoforte di Alessandro torna sull’acqua del Lago di Como: e questa volta lo vedrà tutto il mondo

Il compositore comasco suona sull'acqua: niente pubblico ma il concerto verrà diffuso in streaming.

Il pianoforte di Alessandro torna sull’acqua del Lago di Como: e questa volta lo vedrà tutto il mondo
Como città, 08 Agosto 2020 ore 17:38

Il pianoforte di Alessandro torna sull’acqua del Lago di Como: e questa volta lo vedrà tutto il mondo.

Il pianoforte di Alessandro torna sull’acqua del Lago di Como

Alessandro Martire, giovane pianista comasco di fama internazionale, lo scorso anno aveva lasciato tutti a bocca aperta. Aveva infatti organizzato la prima edizione di Lej Festival: due concerti di pianoforte e violino sulle acque del Lago di Como, di fronte alla Riva di Cernobbio. La musica risuonava sulla Riva, dove c’era il pubblico che ascoltava grazie a delle casse audio. Un vero e proprio successo.

Quest’anno l’artista non si è lasciato scoraggiare dal Covid e dall’impossibilità di portare il pubblico sulla riva del Lario ad ascoltarlo. “Con la normativa anti-Covid era impossibile avere il pubblico da vivo – racconta Alessandro – Così abbiamo deciso di trasmetterlo in streaming worldwide: il concerto, in cui suonerò brani dal mio nuovo album ‘Share the world’, sarà godibile sulla piattaforma internazionale Dice.fm”.

“The floating moving concert” sarà godibile il 1° settembre a partire dalle 18 (ora italiana). Per 25 minuti circa Alessandro suonerà su una piattaforma galleggiante che si muoverà di fronte a Villa del Balbianello a Tremezzina. “Abbiamo scelto quel luogo per la sua bellezza e anche perché il Fai (Fondo Ambiente Italiano, proprietario della dimora) è partner dell’evento – spiega il pianista – In video però si vedranno anche altri luoghi magnifici del Lago di Como”.

Tra le altre novità di questa edizione il pianoforte su cui suonerà Alessandro. “L’ho fatto costruire apposta sulla base di una mia idea – spiega il pianista – La forma richiama un’onda e infatti si chiama ‘Waves’. La parte di design è stata costruita da Claudio Bargna di Cantù e vi hanno preso parte solo aziende del legno canturine mentre l’aspetto musicale e tecnologico è stato curato dalla Sound Waves Chalet: il pianoforte sceglie un suono diverso in base alla circostanza, se si trova al mare o in montagna ad esempio. Unisce design e tecnologia musicale”.

Un evento unico e imperdibile che gode di partner istituzionali si altissimo livello: la Commissione Europea, Regione Lombardia, Provincia di Como, il brand Lago di Como, Fondazione Cariplo e Fondazione Volta solo per citarne alcuni.

“L’edizione zero ha fatto da apripista – spiega il compositore – L’idea piaceva a tutti già prima che diventasse realtà ma dopo aver visto che funzionava in tantissimi hanno deciso di partecipare. Insomma non era solo una mia follia (ride, Ndr), era ed è un progetto molto internazionale perché ci sono il Lago di Como e la musica”.

Stephanie Barone

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia