politica

La piscina di Muggiò resta chiusa. Il Pd: “L’inefficienza del Comune gode di ottima salute”

La struttura è ormai chiusa da un anno.

La piscina di Muggiò resta chiusa. Il Pd: “L’inefficienza del Comune gode di ottima salute”
Como città, 01 Giugno 2020 ore 15:31

Le piscine riaprono in tutta la Lombardia ma la vasca della piscina di Muggiò rimane in secca: uno scandalo lungo un anno.

La piscina di Muggiò resta chiusa

“La fase più acuta dell’epidemia sarà passata ma l’inefficienza del Comune di Como è rimasta e gode di ottima salute. Tutte le piscine lombarde riaprono ma l’impianto di Muggiò rimane chiuso. Così si abbandonano famiglie, ragazzi e società sportive al termine di un lockdown che avrebbe permesso i lavori necessari per riavviare l’impianto. Invece, lo scandalo che dura da quasi un anno continua” così commenta il consigliere regionale del Pd, Angelo Orsenigo.

“La piscina di Muggiò è un luogo in cui bambini e ragazzi della nostra comunità crescono e si formano praticando sport. Proprio loro hanno dovuto passare gli scorsi tre mesi in casa senza il beneficio dell’attività fisica e di una minima socialità – ricorda il consigliere – due anni fa, per esempio, proprio a Muggiò è stato avviato un campo estivo a costo ridotto per le famiglie che consentiva a bambini e ragazzi di praticare il nuoto e altri sport. Oggi perdiamo un’attività importante per tutta la comunità, un sostegno significativo per le famiglie e un lavoro di formazione che è stato lasciato morire”.

“Molte associazioni che seguivano persone con disabilità e atleti con bisogni speciali facevano poi riferimento a Muggiò. Ora sono senza un luogo dove continuare il proprio lavoro. Non dimentichiamo tutto il personale della piscina che ha perso il lavoro – continua il consigliere – è proprio per queste persone che il Comune avrebbe dovuto impegnarsi con tutte le proprie forze per una riapertura. E invece, nulla è stato fatto”.

“Certamente è un modo originale per uscire dalla chiusura forzata: mentre tutti aprono, noi rimaniamo chiusi. Ancora una volta vediamo una scadenza mancata dall’amministrazione, che prima ha trascurato il rinnovo della vecchia convenzione con la Federnuoto a giugno 2019, poi ha assicurato che la riapertura sarebbe stata a settembre, poi a fine novembre, poi in febbraio, poi quando?” commenta anche Gabriele Guarisco, consigliere comunale del Partito Democratico.

“Vittima del tergiversare dell’amministrazione è la cittadinanza, grande sconfitta di questa vicenda. Oggi, infatti, chi vorrà allenarsi dovrà farlo spostandosi in lungo e in largo per la provincia con non pochi disagi” ha spiegato il consigliere , che in occasione dell’ultima seduta di consiglio comunale ha proprio chiesto delucidazioni riguardo al progetto avanzato dalla ditta Nessi & Majocchi per la riqualificazione dell’impianto.

“A gennaio tante famiglie di giovani atleti hanno manifestato davanti alla piscina chiusa e vuota per vedersi garantito il diritto all’attività sportiva. Oggi la situazione non solo non è cambiata ma è addirittura peggiorata: attrezzature e strumenti sono stati portati in altri impianti per evitare che venissero danneggiate dall’utilizzo – continua Guarisco che conclude – come al solito, le scelte o “non-scelte” dell’amministrazione comunale comportano un costo enorme per tutti comaschi che si vedono privati dell’ennesimo servizio importantissimo che scompare”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia