politica

Non idee ma competenze, parte la Bottega di Civitas: al via gli incontri per futuri amministratori e non solo

Primo appuntamento giovedì 19 novembre online.

Non idee ma competenze, parte la Bottega di Civitas: al via gli incontri per futuri amministratori e non solo
Como città, 14 Novembre 2020 ore 12:09

Parte la Bottega di Civitas: al via gli incontri per gli amministratori di domani ma anche per chi vuole conoscere meglio la realtà della gestione della cosa pubblica.

Parte la Bottega di Civitas: al via gli incontri per gli amministratori di domani

Annunciata, partita. Solo poche settimane fa l’ormai ex consigliere comunale di Civitas Bruno Magatti comunicava il suo addio al consiglio (al suo posto Guido Rovi) e l’inizio di un percorso che porterà il gruppo politico alle elezioni 2022.

“Apre ufficialmente la Bottega degli Artigiani della Politica, per condividere con chi si vuole avvicinare alla politica il nostro bagaglio di conoscenze, non solo amministrative ma anche legate alla storia amministrativa di questa città – ha spiegato in conferenza stampa Bruno Magatti – Gli esempi anche recenti ci insegnano che si può imparare sulla pelle degli altri ma i rallentamenti di questa amministrazione sono la dimostrazione del servizio politico da parte di improvvisati”.

I primi incontri, per via della normativa anticontagio, saranno online. Si parte con un “open day” il giovedì 19 novembre alle 20.45 tramite la piattaforma Google Meet. Prima è necessaria la registrazione a questo link bit.ly/EntraInBottega. Seguiranno incontri ogni giovedì per tutto il mese di dicembre sempre a distanza. Ci saranno momenti informativi, note sulla vicenda amministrativa comasca e a seguire l’interazione con i presenti.

“C’è spesso confusione di livelli: cosa deve fare il consigliere, il sindaco, la Regione, lo Stato? – ha commentato Magatti – Noi non siamo una scuola ma abbiamo un’attrezzatura, un bagaglio di competenze, messo a punto nel tempo. Amministrare non è solo una questione di idee, avere una visione politica di fondo, non bastano i valori, servono le competenze. Perché abbiamo scelto la metafora della bottega? Noi non siamo operai che fanno un compito impostato da altri. L’artigiano mette insieme conoscenza, usa strumenti ma ne cerca anche di nuovi per mettere a disposizione di tutti un prodotto di qualità”.

“Gli incontri sono aperti a tutti, gli argomenti possono essere di interesse per chi domani vorrà intraprendere un percorso politico ma anche per chi vuole conoscere meglio la macchina amministrativa, con l’obiettivo di avere maggiore comprensione delle cose. Se interessiamo i giovani, significa che stiamo vincendo ancora di più la sfida” ha spiegato Luca Venneri di Civitas.

Una scelta ovviamente ha un risvolto politico chiaro in vista delle elezioni 2022 a Como.

“Da parte nostra c’è sempre la volontà forte di unire e dialogare – ha aggiunto Magatti – Nel campo progressista c’è un protagonista che è il Pd con il quale abbiamo un ottimo rapporto ma la bottega è la rappresentazione di un metodo, di come vogliamo metterci a disposizione dei cittadini. Il profilo del candidato sindaco, ad esempio, sia garante e rappresentante di tutte le forze politiche di una coalizione”. E conclude: “Non abbiamo pregiudizio su nessuno ma sul metodo. Non solo non vogliamo padroni ma vogliamo camminare, portare avanti un percorso insieme”.

Foto in copertina di repertorio

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia