Cronaca
il giudizio

Accusa di diffamazione per tre consiglieri di Grandate: il giudice ha deciso per l'archiviazione

La sentenza: "Risulta possibile ricondurre i contenuti della mozione al mero esercizio di critica politica".

Accusa di diffamazione per tre consiglieri di Grandate: il giudice ha deciso per l'archiviazione
Cronaca Canturino, 13 Novembre 2021 ore 09:23

Accusa di diffamazione per tre consiglieri di Grandate: il giudice ha deciso per l'archiviazione.

Accusa di diffamazione per tre consiglieri di Grandate: il giudice ha deciso per l'archiviazione

La sentenza dopo l'udienza di giovedì 11 novembre è arrivata nel tardo pomeriggio di ieri. Per il giudice del Tribunale di Como Carlo Cecchetto la querela per diffamazione avanzata dall'ex sindaco di Grandate Monica Luraschi nei confronti di tre consiglieri comunali d'opposizione - Dario Lucca, Fabio Altieri e Pierangelo Pirovano - va archiviata, proprio come aveva già chiesto il Pm nel mese di aprile.

"Dagli approfondimenti d'indagine - si legge nella sentenza - è emerso un quadro indiziario non sufficiente per sostenere un'accusa in giudizio. Anche l'eventualità di ulteriori indagini non appare proficua. Come precisato dal Pm nella richiesta di archiviazione i fatti non risultano avere quella idoneità diffamatoria richiesta dal legislatore ma parrebbero rientrare nell'ambito dell'esercizio legittimo del diritto di critica". La sentenza aggiunge in conclusione: "Risulta possibile ricondurre i contenuti della mozione al mero esercizio di critica politica che trascende da attacchi personali e dall'utilizzo di termini insultanti o diffamatori. Invero, tale diritto riveste necessariamente connotazioni soggettive e opinabili quando viene svolto in ambito politico".

Necrologie