Attualità
La premiazione

"Lombardia Innovativa": tra i modelli premiati anche i contributi di quattro aziende comasche

Le aziende comasche premiate sono la MIRTILLA BIO di Grandate, la CORAPACK di Brenna, la SEAM Engineering di Lomazzo e la METIOR S.r.l. di Dongo

"Lombardia Innovativa": tra i modelli premiati anche i contributi di quattro aziende comasche
Attualità Canturino, 15 Dicembre 2022 ore 16:05

Sono stati annunciati proprio oggi, giovedì 15 dicembre 2022, i modelli d'innovazione premiati alla prima edizione del "Lombardia Innovativa", il concorso indetto da Regione Lombardia.

"Lombardia Innovativa": tra i modelli premiati anche i contributi di quattro aziende comasche

Ecco, in dettaglio, le caratteristiche e le finalità dei modelli vincitori della prima edizione.

SPATIALs3

Ecosistema di riferimento: NUTRIZIONE

Il modello: Una rete lombarda nella filiera agroalimentare, un network innovativo dove l'esperienza accademica e industriale si incontrano e collaborano alla realizzazione di un nuovo sistema alimentare: un sistema più sano, grazie all'introduzione nella filiera di varietà vegetali con migliori caratteristiche nutrizionali e processi di trattamento che ne esaltano le proprietà salutistiche, verificate mediante studi clinici; più sicuro, verificando e monitorando la qualità dell'alimento mediante innovativi protocolli e condividendo tali informazioni con il pubblico attraverso piattaforme dedicate e le etichette smart; più sostenibile, promuovendo l'introduzione di packaging compostabili.

La filiera: FLANAT RESEARCH di Rho (MI), ECO-ZINDER di Trezzo sull'Adda (MI), MIRTILLA BIO di Grandate (CO), CORAPACK di Brenna (CO) e l'Ente di Ricerca Nazionale CNR.

PerFORM WATER 2030

Ecosistema di riferimento: SOSTENIBILITÀ

Il modello: Unico nel suo genere, PerFORM WATER 2030 ha dato vita a una piattaforma diffusa di ricerca, sviluppo e implementazione di tecnologie e strumenti decisionali volti a garantire una sempre più efficace gestione del servizio idrico integrato, in cui gli impianti e le strutture diventano veri e propri laboratori di innovazione. Le attività di intervento del progetto spaziano dalla fornitura costante di acqua di alta qualità alla riduzione della produzione di fanghi, dal recupero di risorse al risparmio e produzione di energia, passando per la riduzione delle emissioni atmosferiche, dal monitoraggio degli inquinanti emergenti fino all'analisi dei costi e della tariffazione.

La filiera: CAP HOLDING Spa di Assago (MI), GeneGIS GI di Milano, MMI di Milano, SEAM Engineering di Lomazzo (CO), SIAD di Bergamo, VEOLIA WATER TECHNOLOGIES ITALIA di Milano, VOMM di Rozzano (MI), Politecnico di Milano, CNR, Università degli Studi Milano Bicocca.

FISVAL Filiera integrata e sostenibile per la produzione di VALvole smart

Ecosistema di riferimento: MANIFATTURA AVANZATA

Il modello: Questo è il primo esempio di 'Filiera Integrata e Sostenibile' nell'ambito della manifattura avanzata per la produzione di valvole smart. Micro, piccole, medie e grandi imprese, accademia e società di consulenza applicano le logiche dell'Industria 4.0 a un'intera filiera produttiva, realizzando un prima nuova realtà di Filiera Intelligente, evoluzione naturale della Fabbrica Intelligente. È un modello di filiera integrata e sostenibile, in cui la condivisione bidirezionale di informazioni garantisce processi produttivi a maggiore efficienza, in termini di qualità del prodotto, di tempi di risposta verso il cliente, nonché di uso sostenibile delle risorse produttive.

La filiera: ATV Spa di Colico (LC), BREPO S.r.l. di Colico (LC), IMO Odobez S.r.l. di Pasturo (LC), METIOR S.r.l. di Dongo (CO), OLEODINAMICA MARTINALLI S.r.l. di Cosio Valtelllino (SO), POLITECNICO DI MILANO, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA, QUANTRA S.r.l. di Brescia.

Gli altri vincitori

Nome partenariato: Fluidica Intelligente per le Scienze della Vita

Ecosistema di riferimento: SALUTE E LIFE SCIENCE

Il modello: Un HUB tecnologico e territoriale che facilita le relazioni tra Università, imprese, centri di ricerca e cittadini e la messa a sistema delle competenze strategiche e delle eccellenze presenti sul territorio, al fine di favorire il trasferimento tecnologico e l'utilizzo di nuove tecnologie. Il modello prevede una parte LAB, che riunisce in un unico spazio fisico le competenze tecniche e multidisciplinari, e una parte DEMO, che favorisce l'esposizione del progetto (relativo a terapie infusionali personalizzate, silenziose, domestiche) a studenti, cittadini, pazienti e operatori sanitari, ovvero i portatori dell'innovazione. Attraverso l'HUB si realizzeranno reparti pilota per sperimentare gli effetti di nuovi paradigmi terapeutici e di cura personalizzata coinvolgendo specialisti del settore, medici, tecnologi ed ingegneri, associazioni dei pazienti e delle famiglie.

La filiera: FLUID-O-TECH di Corsico (MI), MC2 di Belpasso (CT), SIDAM di San Giuliano Milanese (MI), PRIMA Lab di Milano, l'Università di Pavia (PV) e la Fondazione I.R.C.C.S. Policlinico San Matteo (PV).

Nome partenariato: JRC MATT - Metal and Transformation Technologies

Ecosistema di riferimento: MANIFATTURA AVANZATA

Il modello: Un luogo fisico e virtuale di collaborazione, progettazione e creazione di know-how condiviso nato per rispondere a un mercato globale sempre più complesso che richiede nuovi modelli di innovazione basati su alleanze verticali e orizzontali e un approccio collaborativo che combina di conoscenza, tecnologie e risorse fuori dei confini aziendali. L'approccio innovativo del JRC MATT riguarda principalmente la condivisione di dati, informazioni e risultati della ricerca per la risoluzione dei problemi a livello della filiera e non dal punto di vista della singola azienda.

La filiera: AGRATI di Veduggio con Colzano (MB), GROWERMETAL di Calco (LC), ORI MARTIN di Brescia, MFL Group di Molteno (LC), ITLA BONAITI di Oggiono (LC) e il POLITECNICO DI MILANO.

Nome partenariato: Sistema Cosmetico Lombardo

Ecosistema di riferimento: MANIFATTURA AVANZATA

Il modello: Questo modello collaborativo nasce dall'esigenza di formalizzare lo sviluppo della filiera regionale della cosmesi in chiave eco-sistemica, attraverso un approccio multidisciplinare, con dimensione fortemente internazionale e in forte sinergia tra impresa e ricerca, innovazione, formazione del capitale umano (sia in ambito universitario che di formazione tecnica post-diploma). L'ambizione è di favorire una visione condivisa per lo sviluppo del settore cosmetico lombardo e l'identificazione di obiettivi congiunti di investimento in ricerca, innovazione e formazione, in un settore che è un'eccellenza lombarda e che anche nel pieno delle difficoltà ha dimostrato un alto grado di resilienza e solidità, che testimoniano l'efficacia degli investimenti.

La filiera: REI REINDUSTRIA INNOVAZIONE di Crema (CR), POLITECNICO DI MILANO, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO, UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA, UNIVERSITÀ DI MILANO - BICOCCA, FONDAZIONE ITS NUOVE TECNOLOGIE PER LA VITA, FONDAZIONE ITS NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY, ACSU CREMA, ACSU CREMONA, CAMERA DI COMMERCIO DI CREMONA E PROVINCIA DI CREMONA.

Seguici sui nostri canali
Necrologie